Home Scuola Energia elettrica dal sole in 8 istituti scolastici modenesi

Energia elettrica dal sole in 8 istituti scolastici modenesi

Otto scuole superiori sfrutteranno l’energia solare per produrre autonomamente energia elettrica per far funzionare laboratori o computer. Questo grazie ad un piano della Provincia di Modena per la promozione delle energie alternative nelle scuole che prevede un investimento di 140 mila euro messi a disposizione in parte dalla Regione Emilia Romagna.


Gli otto impianti sono stati installati a Modena all’istituto “Barozzi” e all’istituto “Corni”, a Carpi al liceo “Fanti”, a Sassuolo nel polo scolastico degli istituti “Volta” e “Don Magnani”, a Maranello all’istituto “Ferrari”, a Mirandola all’istituto “Galilei”, a Vignola nel polo scolastico degli istituti “Paradisi”, “Allegretti” e Levi” e a Guiglia nell’istituto comprensivo.

La novità è stata presentata oggi con un’assemblea nell’aula magna dell’istituto tecnico “Corni” di Modena e nel polo di Vignola, alla quale hanno partecipato Duccio Campagnoli, assessore regionale Attività produttive e Alberto Caldana, assessore provinciale all’Ambiente.

“Questi impianti – sottolinea Caldana – permettono di risparmiare sulla bolletta della scuola, ma hanno anche un valore didattico perché propongono un modo alternativo di produrre energia a basso impatto”.

Gli otto impianti fotovoltaici hanno una potenza complessiva di 23 chilowatt (circa due chilowatt ciascuno, dieci per quello di Vignola) e sono stati installati su tetti o terrazzi; sono costituiti da pannelli in silicio policristallino che producono energia elettrica grazie all’energia solare.

Questa tecnologia non comporta praticamente alcuna emissione di sostanze in atmosfera: in questo modo verranno immesse nell’aria 18 tonnellate in meno di anidride carbonica.

Oltre a questi impianti la Provincia ha avviato da quest’anno scolastico anche un impianto di riscaldamento alimentato a biomassa nell’istituto Spallanzani di Vignola che funziona con residui di lavorazione del legno (truciolare compresso) fornendo calore sufficiente alle esigenze di tutto l’edificio. Anche questo impianto permette di ridurre sensibilmente le emissioni in atmosfera emissioni e fa risparmiare.