Home Cinema Il sistema dello spettacolo in Emilia Romagna

Il sistema dello spettacolo in Emilia Romagna

Al terzo posto in Italia nello spettacolo dal vivo per numero di rappresentazioni (il 10,5% del totale italiano) dopo la Lombardia e il Lazio, e per numero di biglietti venduti, dopo il Lazio e la Toscana al secondo posto nella domanda e nell’offerta di cinema, con una spesa media per abitante (di circa 10 euro) superiore alla media nazionale e un patrimonio di 140 sedi teatrali e 311 cinematografiche, diffuso in tutto il territorio, il sistema dello spettacolo in Emilia-Romagna si conferma come uno dei più articolati e interessanti d’Italia.


E’ quanto emerge dal Rapporto dell’Osservatorio regionale dello Spettacolo 2002/2003, disponibile da oggi anche sul sito Cartellone dell’Emilia-Romagna e al centro di un seminario che si è tenuto questa mattina in Regione, promosso dall’Assessorato alla Cultura e da ATER – Associazione Teatrale Emilia-Romagna.

“Il confronto con realtà metropolitane come Milano e Roma, supportate da un’azione molto forte dei media – ha dichiarato l’assessore regionale alla cultura Marco Barbieri – non rende merito alla situazione dell’offerta culturale e alle strutture dell’Emilia-Romagna, che si distingue a livello nazionale per l’alta qualità, la diffusione capillare sul territorio e per l’attenzione di un pubblico in crescita, nonostante una crisi di settore che interessa tutto il Paese. La Regione, di fronte ad un calo dei finanziamenti nazionali, ha aumentato i fondi destinati allo spettacolo, è passata da 9, 4 milioni di euro nel 2002 a 10,8 milioni nel 2004, un dato che intende confermare anche per il 2005”.

“Questa ricerca – ha aggiunto Barbieri – ha l’obiettivo di fotografare in modo sempre più ampio la realtà dello spettacolo dal vivo in Emilia-Romagna per intervenire efficacemente sui temi della qualificazione come la formazione professionale (11.500 operatori attuali). Non possiamo accontentarci di questi risultati – ha concluso l’assessore – ma dobbiamo prendere in considerazione per il prossimo anno anche il mondo dei giovani e del teatro non professionistico, un mondo straordinario che finora non è mai stato quantificato né analizzato”.

E’ stato presentato anche l’opuscolo “Lo Spettacolo in Emilia-Romagna. La Regione in cifre”, che offre un panorama sintetico dei dati più significativi contenuti nel Rapporto, configurandosi come strumento agevole di informazione e consultazione a livello regionale e nazionale. Realizzato in 3000 copie, l’opuscolo verrà distribuito agli operatori del settore e agli enti locali.
I dati del rapporto sono stati illustrati dal presidente di Ater Maurizio Roi.