Home Appuntamenti Suggestivo finale per Ascomestate ai Giardini Margherita

Suggestivo finale per Ascomestate ai Giardini Margherita

Nuove suggestioni e nuove emozioni per la serata conclusiva di Ascomestate ai Giardini Margherita: saranno le “Fontane in Concerto” a chiudere simbolicamente l’edizione 2005. Lo spettacolo di giochi d’acqua e la musica della poesia di scrittori famosi che accompagneranno i movimenti dell’acqua, faranno da suggestiva cornice alla magistrale interpretazione dell’attrice Chiara Muti in brani poetici famosi. Ore 21 – palazzina Collamarini- piazzale Jacchia

Luce, movimento, colore, suono e parole in un originale spettacolo di giochi d’acqua per raccontare il percorso ideale di Ascomestate ai Giardini Margherita, tessuto di incontri con personaggi famosi dello spettacolo, della cultura e del giornalismo, dall’astronauta dell’ESA Roberto Vittori al Questore di Bologna Francesco Cirillo, dal famoso e amato attore Luca Zingaretti all’opinionista Magdi Allam, dal Grillo Parlante Mario Giordano alla regista-attrice-sceneggiatrice Simona Izzo, fino ai Primi Attori della scena politica italiana, come il Presidente della Camera on. Pierferdinando Casini e il Sindaco di Bologna Sergio Cofferati.


Un cammino iniziato fin dai primi di luglio che ha raccolto in queste settimane l’entusiasmo dei bolognesi ( e le cifre lo dimostrano chiaramente: sono stati più di 7000 le persone che hanno assistito agli Incontri) e in particolare di tutti coloro che volevano sentire dalla viva voce dei protagonisti del mondo di oggi la loro storia.


L’acqua quindi non solo come mezzo di propagazione della luce per creare fuochi artificiali liquidi che danzano al ritmo di una colonna sonora, ma come elemento coinvolgente e fondante con la prosa quotidiana.


Le Fontane in Concerti Naldy’s sono il risultato di lunghi anni dedicati allo spettacolo: nate appunto da un’idea di Dante Naldi che, dalla consuetudine di noti palcoscenici e di atmosfere cariche di suggestione, ha ideato le fontane di luce in movimento al suono della musica in una grande esplosione di colori e di giochi d’acqua che, azionati manualmente, nascono dall’ispirazione del momento e dalla stessa risposta del pubblico.