Home Appuntamenti ‘Una piazza sul mondo’ in quattro piazze modenesi

‘Una piazza sul mondo’ in quattro piazze modenesi

Prende il via il 12 settembre ‘Una piazza sul mondo‘, tre settimane di informazione, eventi-spettacolo, mostre, stand espositivi e momenti di approfondimento dedicati al commercio equo e solidale, agli stili di vita sostenibili e alla solidarietà internazionale. L’iniziativa, promossa dalla Bottega d’Oltremare e da Cose dell’altro mondo, ha il patrocinio della Provincia di Modena.


Visto il successo delle precedenti edizioni (questa è la terza) ‘Una piazza sul mondo’ si allarga: dal 12 al 18 settembre sarà a Modena, dal 23 al 25 a Sassuolo e Vignola, dal 29 al 2 ottobre a Formigine, nelle piazze centrali dei quattro comuni della provincia con ampi spazi espositivi che accoglieranno manufatti, prodotti, proposte per il turismo responsabile e altri progetti legati al commercio equo e agli stili di vita sostenibili. Una libreria specializzata, incontri pubblici, seminari tematici, eventi-spettacolo, una mostra fotografica di Luigi Ottani.

Animazioni e laboratori creativi per bambini e ragazzi completeranno l’evento che quest’anno avrà un’attenzione particolare per India e Sri Lanka attraverso la testimonianza delle rispettive comunità locali colpite dal maremoto e il loro impegno nella ricostruzione con i contributi raccolti dal volontariato modenese. Uno scambio, dunque, di prodotti e di processi, ma anche di valori e di diritti, tra realtà della produzione e della solidarietà, del Nord come del Sud del mondo.

“Oltremare – spiega il presidente della cooperativa sociale Antonello Borghi – è una rete molteplice e fortemente collegata al territorio locale che unisce le “piazze” nelle quali tutti i giorni dell’anno, mediante le rispettive Botteghe del Mondo, avviene l’incontro e lo scambio tra produttori del Sud e consumatori del Nord del mondo. Un mercato alternativo che, pur nella crisi generale, continua a crescere per quantità di fatturati e qualità dei prodotti e dei progetti”.

“Questa iniziativa potrà essere di particolare interesse per quei cittadini che hanno risposto alla mobilitazione modenese per le vittime dello tsunami – aggiunge il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini – perché consente di capire in che modo, concretamente, si può proseguire quell’impegno con azioni quotidiane di grande importanza per le popolazioni del Sud del mondo”.