Home Regione Domani, sabato 9 febbraio, la Giornata nazionale di raccolta del farmaco

Domani, sabato 9 febbraio, la Giornata nazionale di raccolta del farmaco

Dona un farmaco a chi ne ha bisogno“: con questo invito rivolto dagli attori Paolo Cevoli e Claudia Penoni a tutti i cittadini, si rinnova domani, sabato 9 febbraio, l’appuntamento con la solidarietà in occasione dell´VIII Giornata nazionale di raccolta del farmaco, l’iniziativa che ogni anno viene organizzata in tutta Italia dall’Associazione banco farmaceutico, in collaborazione con la Compagna delle opere e, in Emilia-Romagna, con il patrocinio della Regione.


L´assessore regionale alle Politiche per la salute Giovanni Bissoni ha posto l´accento sulla “grande partecipazione dei cittadini emiliano-romagnoli a questa iniziativa, che mostra come lo spirito comunitario che crea la coesione sociale si possa manifestare a partire da atti concreti, anche piccoli ma significativi”. Una generosità, è stato specificato, “che in questa regione è ampiamente sostenuta dai numeri: solo nel 2007 sono stati raccolti in Emilia-Romagna oltre 32mila farmaci”.
A livello nazionale, in sette anni, sono stati raccolti oltre un milione di farmaci per un valore economico di circa 6.8 milioni di euro.
Oltre alla locandina “Dona un farmaco a chi ne ha bisogno”, l´iniziativa e sostenuta con spot televisivi e radiocomunicati con la partecipazione gratuita di Paolo Cevoli, diffusi dai principali network nazionali.

Come e dove donare
Per partecipare basterà recarsi in una delle 300 farmacie dell´Emilia-Romagna che aderiscono all´iniziativa e acquistare uno o più prodotti “da banco” (farmaci sintomatici, da automedicazione per i quali non sia prevista la ricetta di prescrizione) da lasciare in dono.

Nelle farmacie che aderiscono all´iniziativa sarà esposta la locandina che invita a donare i farmaci e farmacisti e volontari – 1200 in Emilia-Romagna, oltre 9500 in Italia – forniranno tutte le informazioni necessarie sull’iniziativa e consiglieranno il tipo di farmaco di cui c´è maggiormente il bisogno.
Il ricavato della vendita dei farmaci donati sarà devoluto da ogni farmacia all’Associazione banco farmaceutico e i farmaci raccolti saranno donati ad enti assistenziali per essere destinati a persone in condizioni di particolare difficoltà, al di sotto della soglia di povertà.
In regione i destinatari dei farmaci raccolti saranno più di 100 enti e associazioni convenzionati con il Banco farmaceutico: tra questi la Comunità di San Patrignano a Rimini, il Poliambulatorio Irnerio Biavati e l´Associazione Sokos a Bologna, l´ambulatorio Caritas a Reggio e “L´isola che non c´è” a Montecchio (Re).
L’elenco delle farmacie che aderiscono in Italia si può consultare sul sito del Banco farmaceutico.