Home Lavoro Sassuolo: nuovo bando per i tirocini formativi

Sassuolo: nuovo bando per i tirocini formativi

C’è ancora tempo fino a giovedì 30 settembre per partecipare al bando per l’ammissione ai tirocini formativi e di orientamento.

“Nell’ambito degli interventi straordinari finalizzati al sostegno dei nuclei familiari colpiti dalla crisi economica – afferma l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Sassuolo Giorgio Barbieri – l’Amministrazione vuole garantire un “sollievo lavorativo” tramite la modalità di “tirocini formativi e di orientamento al lavoro” a sostegno delle persone che si trovano in condizione di disoccupazione in conseguenza della attuale grave crisi economica e che abbiano perso il lavoro non prima del 1 settembre del 2008. Il progetto individua un elenco di possibili beneficiari a cui attingere per l’assegnazione di 40 tirocini formativi nel corso dell’anno. Il primo gruppo di 20 è già avviato e ora si riapre la graduatoria per individuare i restanti 20“.

Chi intende partecipare deve presentare specifica domanda utilizzando i modelli predisposti dal Comune, unitamente a: certificazione ISEE rilasciata da un Centro Autorizzato di Assistenza Fiscale (C.A.A.F.); impegno a presentare in sede di colloquio del certificato medico attestante lo stato di buona salute; autocertificazione attestante il possesso dello stato di disoccupazione, ai sensi del D.Lgs. 181/00 così modificato dal D.Lgs. 297/02, avendo reso la dichiarazione di immediata disponibilità al Centro per l’impiego competente territorialmente.

Le domande devono essere presentate entro e non oltre le ore 12 del 30 settembre 2010 presso: URP (Piazza Garibaldi dal lunedì al mercoledì dalle ore 9,00 alle 13,30, il giovedì dalle ore 9,00 alle 18,30, il venerdì dalle ore 9,00 alle 13,30 e il sabato dalle ore 9,00 alle 12,30), Servizi Sociali (Via Rocca n. 22 dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle 13,30 e il giovedì dalle ore 8,00 alle 18,30), Sportello IES (via Caduti sul lavoro n. 22 martedì e mercoledì dalle ore 9,30 alle 12,30, giovedì dalle ore 9,30 alle 13,30).

“Si tratta di un’ottima occasione – prosegue Barbieri – per prestare il proprio servizio alla città, dietro il riconoscimento di una cifra mensile che certamente non può sostituire uno stipendio, ma che può alleviare almeno in parte le difficoltà di chi, di punto in bianco, si è trovato senza lavoro”.

I destinatari dell’intervento sono: residenti a Sassuolo da almeno due anni al momento di apertura del bando che si trovano in situazione di disoccupazione in conseguenza della grave crisi economica; che abbiano compiuto 18 anni alla data di pubblicazione del presente bando; che abbiano perduto il lavoro in data non precedente al 01/09/2008 e disoccupati a causa di licenziamento, (con esclusione del licenziamento per giusta causa soggettiva) dimissioni per giusta causa, per mancato rinnovo di un contratto di lavoro a termine (rientrano in tale tipologia i lavoratori che hanno maturato a partire dal 01/01/2008 un periodo lavorativo di almeno quattro mesi, con uno o più contratti anche non continuativi). Vengono compresi in questa fattispecie, e con le stesse modalità, i lavoratori subordinati, i lavoratori con contratto di somministrazione e d’apprendistato e i contratti di collaborazione; artigiani e titolari di ditte individuali per le quali sia stata chiusa la partita IVA non prima dell’1.9.2008; in possesso dello stato di disoccupazione in sensi del D.Lgs. 181/00 cosi’ come modificato dal D.Lgs. 297/02 avendo reso la dichiarazione di immediata disponibilità al Centro per l’Impiego competente territorialmente; che non percepiscano indennità di mobilità (compresi soggetti che la abbiano terminata), né abbiano titolo a percepirla, e che non dispongano di nessun altro ammortizzatore sociale; che non abbiano riportato condanne penali, salvo l’avvenuta riabilitazione; che non siano stati destituiti dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un Pubblico Impiego, ai sensi dell’art. 127, comma 1 lettera d) del DPR 3/57, che non siano esclusi dall’elettorato politico attivo, se cittadini italiani.

I soggetti ammessi ai tirocini formativi acquisiranno nuove competenze svolgendo alcuni compiti fra i quali: attività di supporto alla sorveglianza sui mezzi del servizio di trasporto scolastico, attività di supporto alla sorveglianza all’uscita da scuola e attraversamento stradale in prossimità di plessi scolastici posti in zone di basso traffico, attività di supporto all’organizzazione di eventi e manifestazioni, attività di supporto nel riordino e manutenzione di aiuole e spazi verdi nonché riordino in seguito a manifestazioni, attività di supporto alla manutenzione edifici compreso tinteggiatura nei mesi estivi di edifici scolastici, supporto a progetti coordinati con associazioni di volontariato del territorio relativi tra cui, in particolare, il punto unico di stoccaggio di generi di prima necessità in corso di progettazione con Caritas e CRI.