Home Appennino Reggiano Croce Verde Castelnovo Monti: al via i nuovi corsi per diventare volontari

Croce Verde Castelnovo Monti: al via i nuovi corsi per diventare volontari

Una nuova opportunità. L’opportunità di aiutare chi si trova nella necessità di essere assistiti, ma anche di incrementare la propria sensibilità e coltivare la propria umanità, in un momento storico che lascia poco spazio a queste qualità essenziali dell’uomo.
Il prossimo 11 marzo prende il via il nuovo corso base per diventare soccorritore volontario, volontario per i trasporti ordinari oppure centralinista della Croce Verde di Castelnovo Monti e Vetto, e compiere in questo modo qualcosa di grande per se stessi, la propria famiglia e tutta la comunità. L’appuntamento è per l’11 marzo alle ore 20.30 a Palazzo Ducale: sarà possibile iscriversi ai corsi direttamente in tale occasione, ma fin da ora si possono richiedere informazioni e fornire già la propria disponibilità a frequentare i corsi, telefonando al numero 0522 612164 o scrivendo a info@croceverdecm.it.
Spiega il Presidente della Croce Verde di Castelnovo Monti e Vetto, Iacopo Fiorentini: “Abbiamo chiuso il 2018 con dati in ulteriore crescita per quanto riguarda numero di servizi, che presenteremo con il prossimo bilancio, ma siamo vicini alle 5000 ore al mese di attività, tra interventi di emergenza, trasporti ordinari, assistenza manifestazioni e altro; più di 430 mila chilometri percorsi, oltre 20.000 servizi in totale, una media di circa 55 al giorno. Dati in costante crescita negli ultimi anni, per cui abbiamo sempre necessità di nuovi volontari per svolgere interamente questo grande e prezioso lavoro. Un lavoro che va a difesa della sanità in montagna, che tutela le persone in difficoltà, che ha aspetti sociali molto importanti, attraverso i servizi ordinari, che hanno almeno la medesima rilevanza rispetto agli interventi di emergenza: si tratta di servizi rivolti soprattutto ad anziani e ammalati, per i trasporti interospedalieri, verso sedi di esami medici, o terapie come la dialisi. Come ho già avuto modo di ribadire in altre occasioni, ogni aiuto è prezioso: abbiamo necessità di 30 volontari attivi ogni giorno, che significa 210 turni a settimana, 900 al mese per riuscire a fornire i servizi, per cui ci occorre davvero l’aiuto di tutti. Sono poi fermamente convinto che il volontariato sia un’esperienza formativa di grandissimo valore, che arricchisce chi la intraprende e restituisce molto più di quanto richiede”.
Chiunque può diventare volontario della Croce Verde, dagli adolescenti ai pensionati. Basta avere un po’ di tempo e la voglia di dedicarlo alla comunità. Per diventare volontari in grado di operare nell’emergenza-urgenza l’obbligo formativo è di 20 lezioni per il primo corso, che vengono integrate ogni anno da lezioni di ripasso e di eventuali nuove disposizioni solo per chi intende essere abilitato. Per i trasporti secondari e i servizi alla persona i percorsi sono molto più brevi e semplici. È sufficiente una sana e robusta costituzione fisica certificata dal medico curante, aver compiuto il sedicesimo anno d’età e avere voglia di mettersi a disposizione degli altri. Non c’è obbligo di coprire un numero minimo di turni: qualsiasi disponibilità venga offerta, anche limitata, è di grandissima importanza.c