Home Reggio Emilia Domenica al Palazzo dei Musei di Reggio Emilia torna il “Darwin Day”

Domenica al Palazzo dei Musei di Reggio Emilia torna il “Darwin Day”

Domenica 10 febbraio, l’evoluzione si mette ancora una volta in gioco a Palazzo dei Musei (via Spallanzani 1) per celebrare il ‘Darwin Day 2019’. Per l’occasione, a partire dalle ore 16, appositi allestimenti, giochi e postazioni interattive intratterranno famiglie e ragazzi proponendo i concetti principali della teoria darwiniana.

Come da tradizione, anche quest’anno Charles Darwin sarà presente tra le sale ad accompagnare e guidare i visitatori e a dispensare saggi e importanti suggerimenti.

Novità principale di questa edizione sono la robotica e il coding. Attraverso laboratori di programmazione di piccoli robot, curati dagli educatori di Officina Educativa, i ragazzi verranno infatti stimolati su alcune tematiche evolutive ragionando su alcuni temi chiave. Come superare le sfide dell’ambiente in cui viviamo? Meglio affidarsi ai nostri comportamenti innati o a quelli appresi dall’esperienza? Ai robot l’ardua sentenza…

Dal punto di vista degli animali, invece, le “convergenze evolutive” saranno il tema dominante della giornata, con tanti esempi di animali da confrontare e analizzare, per comprendere al meglio i loro adattamenti e la loro storia evolutiva. Pesci e delfini, istrici ed echidna, formichieri e camaleonti… e anche il più strano di tutti: l’ornitorinco, il re delle convergenze evolutive.

Per i laboratori di robotica è necessaria la prenotazione al n. 0522/456816.

Il programma della giornata è a cura del Dipartimento Educazione dei Musei civici in collaborazione con il servizio Officina educativa e la cooperativa Accento.

Charles Darwin, uno dei più grandi e famosi scienziati di tutti i tempi, è nato il 12 febbraio 1809. A oltre due secoli di distanza si continua a celebrare il suo compleanno in musei e istituzioni di tutto il mondo, con una giornata a lui dedicata in cui vengono ricordati, sottolineati e approfonditi i temi fondanti della sua teoria, così innovativa ai suoi tempi quanto fondamentale oggi per interpretare la storia della vita.

Nel 1831 Darwin intraprese un viaggio di 5 anni intorno al mondo a bordo del brigantino Beagle, durante il quale compì osservazioni naturalistiche, con una passione e una professionalità rare, sulla geologia, sugli animali, sulle piante e sulle popolazioni incontrate. Da queste osservazioni, tutte scritte e documentate, Darwin riuscì a sviluppare importanti teorie nel campo della natura e in particolare quella che è ancora oggi la base di tutta la biologia: la teoria dell’evoluzione.

Ingresso gratuito. Per informazioni 0522 456477