Home Bologna Parkinson, un convegno sabato a San Lazzaro per pazienti, familiari, medici

Parkinson, un convegno sabato a San Lazzaro per pazienti, familiari, medici



Iniziativa Parkinsoniani Onlus compie 25 anni e per l’occasione ha organizzato un convegno per fare dialogare pazienti, familiari, medici e fare il punto sulle ricerche in corso. Il simposio dell’associazione – nata nel 1994 da un gruppo di medici per assistere i malati di Parkinson e i loro familiari – si terrà sabato 23 marzo 2019, a partire dalle 10, al Circolo Arci San Lazzaro (via Bellaria, 7 – San Lazzaro di Savena).

“Ci sono studi medici in corso molto promettenti che si concluderanno il prossimo anno – spiega il professor Pietro Cortelli, coordinatore scientifico del convegno -. Solo allora sapremo se le nuove metodiche terapeutiche saranno efficaci. Oggi abbiamo la possibilità di somministrare la levodopa regolando il dosaggio molto meglio che un tempo, lo studio che si sta portando avanti potrebbe rallentare la malattia”.

Il programma si aprirà con la testimonianza di un paziente che interverrà su “I bisogni non soddisfatti del paziente con Parkinson” e a seguire è previsto l’intervento di un “care given” sul tema: prendersi cura del pazienze. Il Dott. Cesare Cremon (dirigente medico di Medicina interna del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi) interverrà sui problemi gastrointestinali, il Prof. Eugenio Brunocilla (Direttore unità operativa Urologia del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi) tratterà il tema dei problemi urinari. Infine, dopo un intervento su “ipertensione ortostatica e ipertensione supina” concluderà il simposio il Prof. Pietro Cortelli (Direttore  struttura complessa Clinica neurologica – Dipartimento di scienze biomediche e neuromotorie) con un intervento sull’aggiornamento della terapia.

L’associazione Iniziativa Parkinsoniani Onlus conta 120 soci, organizza corsi di ginnastica neuromotoria, yoga, logopedia, tango terapia, incontri a tema per favorire un corretto stile di vita e diverse attività per favorire la socializzazione. La sede è un punto di riferimento dove pazienti e familiari possono scambiarsi le proprie esperienze: le attività si svolgono tre volte alla settimana per dieci mesi. In ragione del valore sociale delle attività promosse e svolte dall’Associazione, il Comune di Bologna ha concesso in comodato d’uso gratuito i locali di via Lombardia, 36.