Home Appennino Reggiano Proposta per intitolare a Giorgio Benevelli il Parco pubblico di Bagnolo

Proposta per intitolare a Giorgio Benevelli il Parco pubblico di Bagnolo

Nei giorni scorsi il regista e attore castelnovese Enrico Salimbeni, in occasione dell’inaugurazione della variante al Ponterosso, ha lanciato la proposta di intitolare il tratto stradale a Giorgio Benevelli, importante artista di Castelnovo, conosciuto a livello nazionale, scomparso proprio un anno fa (era il 22 marzo 2018).

Una proposta che ha subito trovato un forte appoggio popolare ed è stata sottoposta al Comune di Castelnovo ne’ Monti per avviare l’iter di intitolazione. Nei giorni scorsi il Vicesindaco e Assessore alla cultura Emanuele Ferrari ha scritto a Salimbeni, cogliendo con favore la proposta di intitolare un luogo importante del paese a Benevelli, ma proponendo una destinazione diversa.

“Come già nei discorsi portati avanti con il Sindaco e altre persone vicine a Giorgio nei mesi passati – scrive Ferrari a Salimbeni – e dopo una riflessione condivisa con la giunta, ti comunichiamo di essere favorevoli a questa idea di intitolazione. Giorgio Benevelli è per noi, e crediamo anche per moltissimi cittadini del nostro Comune, dell’Appennino e non solo, l’esempio di un artista a suo modo “totale”, che ha saputo formarsi ai linguaggi dell’arte nel corso di tutta la vita, e trasformare il sapere delle mani, della mente e del cuore, in una autentica e specialissima “visione del mondo”: in ogni sua opera respira e si può toccare e ascoltare il canto di un poeta, il desiderio profondo di scavare nelle passioni e sofferenze dell’Uomo nella Storia, insieme allo slancio e alla ferma volontà di costruire un futuro di pace nel rispetto e nella comprensione, quasi mistica, della bellezza del creato, che è sempre anche il significato primo e ultimo di ogni gesto, umile e straordinario, di creazione, a partire da qualsiasi materia. Per questo vorremmo intraprendere, dopo le elezioni amministrative di fine maggio 2019, se ancora saremo chiamati dai cittadini a governare questo Comune, un percorso che possa nel più breve tempo possibile e nel migliore dei modi, rendere omaggio a Giorgio e dare continuità allo studio e alle possibilità di vedere e incontrare le sue opere. Per fare questo crediamo sia importante scegliere un luogo dove le persone possano fermarsi, contemplare un’idea di bellezza incarnata in un’opera d’arte, riflettere e magari avere la possibilità di stare in relazione con altre persone. Per questo il nostro orientamento, più che sulla strada, è quello di ipotizzare l’intitolazione a Benevelli del Parco di Bagnolo, vicino al suo monumento forse più conosciuto, quello alla Donna Partigiana, proprio di fronte alla sala mostre di Palazzo ducale. Confidando sulla collaborazione tua e di quanti già in passato hanno contribuito a far conoscere l’opera e la figura di Giorgio, credo potremo dare vita a un gruppo di lavoro che potrà realizzare una nuova “opera d’arte” vivente per la comunità, che ci metta ancora e ogni giorno in vero ascolto del messaggio profondo contenuto nella vita e nelle opere di questo artista e uomo speciale e unico”.