Home Casalgrande Prima la caparra poi il saldo per la vendita dello smartphone ma...

Prima la caparra poi il saldo per la vendita dello smartphone ma è truffa: denunciato dai carabinieri

Ha risposto ad un annuncio dove veniva messo in vendita uno smartphone della Samsung ignaro che sarebbe incappato in un truffatore che, oltre a pretendere la caparra per bloccare la vendita, riusciva ad ottenere il saldo pari a 310 euro riferendo alla vittima che non si fidava in quanto non voleva incappare in un truffatore.  Ma il truffatore era proprio lui e quando il malcapitato reggiano ha provveduto a versare quanto richiesto, non ha più avuto notizie né dello smartphone acquistato né del venditore, sparito nel nulla. Per questo motivo un 24enne abitante in provincia di Foggia è stato ora denunciato dai carabinieri della stazione di Casalgrande alla Procura di Reggio Emilia. La vittima, un 25enne di Casalgrande, dovendo acquistare uno smartphone, ha risposto ad un annuncio pubblicato su di un sito dove veniva messo in vendita un Samsung S8 al prezzo di 310 euro. Ritenendo il costo congruo, il malcapitato provvedeva, come da richiesta, a versare la caparra ammontate a 100 euro sulla carta prepagata indicatagli dal venditore. Dopo alcuni giorni il venditore contattava l’acquirente chiedendogli di versargli il saldo pari a 210 euro viceversa non avrebbe spedito il cellulare: voleva evitare di incappare in un truffatore e così il 25enne di Casalgrande, in completa buona fede, provvedeva a versare il saldo richiesto. Quando però con il passare delle settimane lo smartphone non giungeva all’indirizzo del giovane reggiano, quest’ultimo chiedeva chiarimenti al venditore che però non dava più notizie di se. La vittima materializzato di essere stato raggirato si è presentato ai carabinieri della stazione di Casalgrande trovando le certezze ai suoi sospetti. I militari, infatti dopo una serie di riscontri identificavano il venditore accertando che la vendita a favore del reggiano era la punta di un iceberg di una vera e propria condotta truffaldina che ha visto l’indagato raggirare, con le stesse modalità, altre persone.