Home Appennino Modenese Premio Zocca giovani, ecco i cinque libri finalisti: parte la giuria dei...

Premio Zocca giovani, ecco i cinque libri finalisti: parte la giuria dei lettori

La giuria del Premio Zocca giovani ha selezionato i cinque scrittori finalisti dell’edizione 2019 che saranno Iacopo Barison, “Le stelle cadranno tutte insieme”, Fandango; Francesca Diotallevi, “Dai tuoi occhi solamente”, Neri Pozza; Carolina Orlandi, “Se tu potessi vedermi ora”, Mondadori; Paola Peretti, “La distanza tra me e il ciliegio”, Rizzoli; Cesare Sinatti, “La Splendente”, Feltrinelli.

Arrivato alla 13^ edizione, il premio è promosso dal Comune di Zocca ed è dedicato agli autori under 35 con l’obiettivo di valorizzare i giovani talenti ma soprattutto diffondere la lettura in particolare tra le nuove generazioni.

I cinque romanzi ora saranno sottoposti al giudizio dei lettori che potranno ritirare i libri, in prestito gratuito, alla biblioteca comunale di Zocca e in diversi esercizi commerciali del territorio di Zocca; i libri saranno distribuiti con una scheda di valutazione che sarà ritirata al momento della restituzione e le preferenze espresse concorreranno la proclamazione dei vincitori, insieme al giudizio della giuria tecnica, presieduta da Marco Santagata.

Il prestito e la possibilità di lettura coprono tutto il periodo estivo e coinvolgerà non sono solo lettori individuali, ma anche gruppi giovanili e studenti del liceo “Muratori San Carlo” di Modena, dell’istituto “Spallanzani” di Montombraro e dell’istituto “Benini” di Melegnano. Informazioni: www.comunezocca.it.

Gli autori presenteranno le proprie opere a Zocca, sabato 27 luglio, nel corso di una iniziativa pubblica in via Mauro Tesi, la strada principale che attraversa tutto il paese, mentre il vincitore sarà proclamato sabato 24 agosto a Zocca nel piazzale del Comune alla presenza di ospiti e autorità.

Lo scorso anno si è aggiudicato il premio Francesco Riva con il suo romanzo “Il pesce che scese dall’albero”, edito da Sperling & Kupfer, ottenendo il maggior numero di preferenze sia della giuria popolare che della giuria tecnica.

Le opere e gli autori finalisti: dai romanzi autobiografici ai miti di Omero

Iacopo Barison, 31 anni di Fossano, ha pubblicato il suo primo romanzo a vent’anni, tratto dal suo blog e numerosi racconti e articoli sono apparsi su siti e riviste. Il romanzo in finale al Premio Zocca giovani “Le stelle cadranno tutte insieme” racconta il legame tra tre ragazzi che abbandonano la provincia con un solo obiettivo: diventare famosi.

Francesca Diotallevi è nata a Milano nel 1985. Tra le sue opere compaiono “Le stanze buie” (Mursia, 2013), “Amedeo, je t’aime” (Mondadori Electa, 2015) e “Dentro soffia il vento” (Neri Pozza, 2016). E’ i gara a Zocca con “Dai tuoi occhi solamente”, uno struggente romanzo sulla vita della fotografa statunitense Vivian Maier.

Carolina Orlandi (Siena, 1992) ha studiato comunicazione e giornalismo, prima all’Università di Siena, poi alla Scuola Holden di Torino. “Se tu potessi vedermi” è il suo esordio letterario e racconta la storia e il legame dell’autrice con David Rossi, il responsabile dell’area comunicazione del Monte dei Paschi di Siena che il 6 marzo del 2013 precipita dalla finestra del suo ufficio; Rossi sedici anni prima era entrato nella vita dell’autrice come marito della madre.

Paola Peretti è nata vicino a Mantova nel 1986. “La distanza tra me e il ciliegio” è la storia di Mafalda, una bambina di nove anni che deve affrontare il destino di non vedere più; ma in fondo è anche quella dell’autrice che ha voluto scrivere il suo primo romanzo quando ha saputo di avere una grave malattia agli occhi. L’opera è già stata tradotta in 20 Paesi diventando un caso editoriale internazionale.

Cesare Sinatti, nato a Fano nel 1991, attualmente è dottorando in filosofia antica all’Università di Durham. Con “La Splendente” ha vinto nel 2016 il premio Calvino,il riconoscimento italiano più prestigioso per le opere prime.

L’opera si snoda in ventiquattro capitoli, tanti quanti i libri dell’Iliade e dell’Odissea, per raccontare con passione le storie dei protagonisti dei poemi epici di Omero, rendendoli attuali.