Home Cronaca Correggio: acquistano abbigliamento con carta di credito rubata. Traditi dai sacchetti del...

Correggio: acquistano abbigliamento con carta di credito rubata. Traditi dai sacchetti del negozio finiscono nei guai

Hanno acquistato abbigliamento per quasi 450 euro in un negozio di Correggio utilizzando una carta di credito rubata poco prima a Modena, ma agli occhi attenti dei Carabinieri della locale Stazione non è sfuggito il fatto che i due avessero ancora i sacchetti riportati il nome dell’esercizio commerciale dove la carta di credito era stata utilizzata fraudolentemente.

Mercoledì scorso, alla Stazione di Correggio è giunta una segnalazione dei colleghi di Modena che sallertavano circa l’indebito utilizzo di una carta di credito presso un negozio della di abbigliamento del paese. Gli uomini dell’Arma, che nel frattempo erano intervenuti presso il locale Ospedale a seguito della commissione di un furto, hanno notato in sala d’attesa una coppia di giovani che, oltre ad indossare capi d’abbigliamento praticamente nuovi, avevano con loro tre sacchetti del negozio dove era stata indebitamente usata la carta. Inevitabile quindi il controllo.

Eseguita l’identificazione dei due, i militari hanno proceduto alla loro perquisizione che ha consentito di rinvenire la ricevuta del POS ove era stato eseguito il pagamento. Ad incastrare i due giovani sono poi state le immagini del sistema di videosorveglianza del negozio che hanno immortalato i loro movimenti compresi quelli in cui, dopo il pagamento illecito, sono rientrati nei camerini prova per poi uscirne con addosso gli abiti nuovi di zecca. A questo si è aggiunto il riconoscimento della titolare dell’esercizio.

Con tali evidenze, quindi, i Carabinieri di Correggio hanno proceduto al sequestro di quanto rinvenuto per poi, una volta conclusi tutti gli accertamenti, provvedere alla loro segnalazione all’Autorità Giudiziaria reggiana, dinanzi alla quale ora dovranno rispondere dell’indebito utilizzo della carta di credito nonché della ricettazione della stessa.