Riforma scuola: forse venerdì in Consiglio dei M.






    Potrebbe essere esaminato venerdì
    prossimo dal consiglio dei ministri il ddl di riforma della
    scuola, ma nessuna decisione è stata ancora presa al riguardo. Il provvedimento, nella sua ultima versione circolata
    informalmente, prevede il ricorso alla delega per la definizione
    delle norme generali sull’istruzione e risorse finanziarie pari
    a circa 123 milioni di euro dal 2002 al 2004.

    Sulla controversa questione dell’età di ingresso alla scuola
    dell’infanzia e alle elementari, l’ipotesi che sembra confermata prevede che dall’anno
    scolastico 2002-2003 possano iscriversi al primo anno delle
    materne i bambini che compiono i 3 anni di età entro il 28
    febbraio 2003 e possano iscriversi al primo anno delle
    elementari quelli che compiono 6 anni entro questa stessa data. Ulteriori anticipazioni dell’età di ingresso potranno essere
    decise sulla base dei risultati dell’applicazione della legge
    stessa. Dunque, anticipo sì, ma graduale e sulla scorta dei
    risultati man mano valutati. Altra novità, nel caso appunto di ingresso anticipato alla
    scuola dell’infanzia, potrebbe essere l’introduzione di nuove
    professionalità e modalità organizzative nelle scuole materne.
    Sarebbe confermata anche l’alternanza scuola-lavoro dopo i 15
    anni, con la possibilità di effettuare stage nelle imprese ma
    anche in enti del terzo settore. La formazione iniziale dei
    docenti inoltre (laurea specialistica e tirocinio biennale, per
    tutti i docenti) potrà prevedere stage all’estero.
    Altro elemento di scontro, nelle scorse settimane,
    è stato poi il carattere valutativo dei bienni in cui si
    dovrebbe articolare l’intero percorso di studi, con il ‘via
    libera’ o il ‘fermo’ per gli studenti alla fine di ogni biennio
    (in seconda, quarta elementare e prima media). La
    valutazione degli studenti, secondo le ipotesi sul tappeto,
    potrebbe restare fissata al termine del biennio ma, se tale
    modalità non dovesse risultare soddisfacente, dopo una prima
    fase di applicazione si potrebbe ritornare alla valutazione anno
    per anno.









    Articolo precedenteEmilia-Romagna: sospese targhe alterne
    Articolo successivoSciopero Fs: domani circolerà il 73% dei treni