Carpi: un biotunnel contro gli odori del compostaggio






    Via libera della Conferenza provinciale per la gestione dei rifiuti al biotunnel contro le emissioni maleodoranti dell’impianto di compostaggio di Carpi. Il progetto dell’Aimag, dopo le verifiche di Arpa e Azienda Usl, ha superato, oggi, anche l’ultimo passaggio tecnico.


    Possono partire, quindi, i lavori che si concluderanno entro il 2003 con un costo complessivo di due milioni e 800 mila euro (metà dei quali saranno messi a disposizione da Regione e Provincia). Con questo impianto i rifiuti saranno trattati all’interno di un tunnel completamente chiuso, dove saranno controllate umidità e temperatura per accelerare il processo di maturazione del materiale. L’aria sarà aspirata e trattata in appositi impianti per l’abbattimento degli odori. Per Ferruccio Giovanelli, assessore provinciale all’Ambiente, “l’intervento risolve un disagio reale dei cittadini”. La Conferenza provinciale è composta da tecnici della Provincia, Comuni, Arpa e aziende e rappresenta l’organo tecnico per la realizzazione del piano rifiuti.









    Articolo precedenteTarghe alterne: a Modena restano i divieti
    Articolo successivoModena: corsi per prevenire mal di schiena