Due corsi di formazione per qualificare l’assistenza familiare a domicilio organizzati, prevalentemente per stranieri, con orari flessibili e con azioni di tutoraggio individuale per garantire il corretto raccordo fra le esperienze pratiche e la parte formativa più teorica. I posti a disposizione sono complessivamente 45.

I percorsi formativi sono stati approvati nelle scorse settimane dalla Provincia di Modena con un costo complessivo di 60 mila euro nell’ambito del Piano che prevede impegni, con risorse del Fondo sociale europeo, per oltre 13 milioni di euro nel corso del 2003. I corsi inizieranno in ottobre e saranno gestiti da Modena formazione.

Informazioni: tel. 059/20.95.67 oppure sul sito Formazione.

L’attività prevista è rivolta prioritariamente a persone immigrate extracomunitarie che si occupano del lavoro di cura e sostegno familiare, le cosiddette “badanti”, nell’ambito dell’assistenza privata a domicilio e che siano in regola con la legge sull’immigrazione.

L’obiettivo, con un percorso breve di 120 ore oppure con uno più articolato di 240 ore, è l’acquisizione di competenze tecnico-professionali e relazionali tali da svolgere adeguatamente il lavoro di cura. Le competenze potranno essere attestate dall’ente formatore tramite una “dichiarazione” con valore di credito formativo.

In entrambi i casi il corso è programmato con modalità flessibili e su misura degli utenti. Sono previste anche azioni di tutoraggio individuale e di apprendimento a domicilio, esperienze pratiche e visite guidate in collegamento con i servizi della rete. Tali attività saranno condotte sotto la guida di un tutor la cui funzione sarà quella di facilitare l’accoglienza nei vari servizi e di garantire il corretto raccordo fra le esperienze pratiche e la parte formativa più teorica.









Articolo precedenteSalute: Usa, approvato rivale del Viagra
Articolo successivoTrasporti: dal 12 settembre riprendono gli scioperi