Regione ricorre a Consulta per aumento canoni demaniali






    La Regione Emilia-Romagna impugnera’
    davanti alla Corte Costituzionale la legge Finanziaria per invalidare gli aumenti (300%) dei canoni demaniali. Lo ha annunciato l’assessore regionale al Turismo, Guido Pasi, parlando a Rimini in un incontro con amministratori e operatori economici locali.

    ”L’ impugnazione e’ l’ atto piu’ forte che possa fare la Regione – ha spiegato – e se la Corte Costituzionale ci da’ ragione, il provvedimento sara’ cancellato”. L’ atto che verra’ approvato dalla giunta regionale comprendera’ anche un altro punto importante: ”La Regione chiede di essere il soggetto competente sul turismo. Lo Stato non se ne deve occupare, la legge la facciamo noi e noi decidiamo sui canoni”. Pasi ha pure sollecitato chi ha le concessioni a mettersi in regola alle condizioni attuali: ”e’ un consiglio tattico per dire ‘io sono in regola’ – ha spiegato – Poi impugneremo complessivamente la legge Finanziaria entro la quale ci sono i canoni che interessano le categorie economiche”.









    Articolo precedenteCgil istituisce barometro povertà in Emilia Romagna
    Articolo successivoElezioni primavera: si vota in 38 Comuni modenesi