Truffa telefonica milionaria: coinvolta anche Modena






    Avrebbero truffato milioni di euro
    a societa’ telefoniche italiane attivando migliaia di linee
    illegali, poi gestite da extracomunitari che chiamavano a
    casa a ‘costo zero’.

    E’ l’accusa contestata a 28 persone dalla
    polizia che ha arrestato sette degli indagati. L’indagine,
    condotta dalla polizia postale di Catania, ha interessato
    varie citta’: Prato, Modena, Pistoia, Reggio Emilia, Roma,
    Brescia, Firenze,Napoli, Torino e Agrigento. L’organizzazione
    aveva la sua base operativa a Catania. Vittime della truffa,
    15 compagnie telefoniche italiane, sia di livello nazionale
    sia regionale.

    La tecnica adoperata era quella del ‘mordi e
    fuggi’. Servendosi di documenti di identita’ e di carte di
    credito falsificati attivavano contratti telefonici per
    aziende e singole utenze inesistenti con le quali aprivano
    call center per extracomunitari praticando prezzi inferiori a
    quelli di mercato. Per evitare di essere ‘incastrati’ gli
    appartenenti alla banda si muovevano in tutta Italia,
    cambiando sempre citta’ e servendosi di complici locali.









    Articolo precedenteConfermato sciopero sanità lunedì
    Articolo successivoF1: Ferrari, test con pioggia per Barrichello