Home Politica Elezioni: in Emilia Romagna sole e code ai seggi

Elezioni: in Emilia Romagna sole e code ai seggi

Code in molte sezioni emiliano-romagnole fin dall’apertura dei seggi, uffici comunali affollati per rilasciare i duplicati delle tessere elettorali a chi l’ha smarrita: sono i principali aspetti della prima giornata di voto (ieri) per le europee, e in molti casi anche per le amministrative, in Emilia-Romagna.

Molti hanno approfittato della possibilità di votare al sabato per poi dedicarsi magari ad una domenica di relax balneare in riviera: la giornata di ieri in regione è stata soleggiata e calda, anche se le previsioni meteo parlano di piogge e sensibile abbassamento della temperatura per oggi. Nel seggio 85 di Bologna c’é stato un problema perché ai primi 60 votanti sono state consegnate per le provinciali le schede di un collegio del circondario anziché quelle del collegio Galvani-Irnerio. L’errore è stato scoperto e rimediato solo a pomeriggio inoltrato ed è presumibile che i voti di lista verranno considerati validi. A Rimini il parlamentare e candidato europeo Giorgio Lisi (Fi) ha riferito di essere stato il primo a recarsi nel seggio di via Castellaccio a Covignano. Lisi è l’unico eurodeputato della provincia di Rimini e si definisce quello “con più presenze a Bruxelles’ “. A Bologna Sergio Cofferati ha votato alle 18, Giorgio Guazzaloca 35 minuti più tardi. Sono 277 i comuni dell’Emilia-Romagna in cui si vota per eleggere sindaci e consigli comunali.

Quelli superiori ai 15.000 abitanti, nei quali si vota con il sistema a doppio turno, sono 36. Quattro superano la soglia per la prima volta: Maranello, Castel Maggiore e Pianoro (Bologna), Bellaria-Igea Marina (Rimini). Cinque i capoluoghi di provincia chiamati al voto: Bologna, Modena, Reggio, Ferrara e Forlì. Si vota anche per eleggere otto nuovi presidenti di Provincia e rinnovare i rispettivi Conigli: Piacenza, Parma, Reggio, Modena, Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena e Rimini. Per il Parlamento Europeo, l’Emilia-Romagna fa parte della Circoscrizione Nord-Est assieme a Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige ed elegge 15 deputati. In regione sono presenti 4.408 sezioni elettorali.