Home Attualita' Casa occupata a Modena: dialogo sui percorsi legittimi

Casa occupata a Modena: dialogo sui percorsi legittimi

“Il nostro incontro è stato un dialogo. Insieme ai funzionari dell’assessorato alle Politiche sociali, per la casa e per l’integrazione ho ascoltato le difficoltà abitative e sociali segnalate dai cittadini e illustrato i percorsi legittimi per affrontarle”. Questo il commento dell’assessore alle Politiche sociali, per la casa e per l’integrazione del Comune di Modena, Francesca Maletti, dopo l’incontro di questa mattina con sette degli occupanti della casa cantoniera di via Canaletto, tra i quali i tre capo famiglia tunisini.

L’incontro, alla presenza dell’assessore, del capo settore Servizi sociali e casa Carlo Casari e della responsabile del Centro stranieri Daniela Giuliani, è durato circa due ore.

I cittadini stranieri, i componenti del Comitato per il diritto alla casa di Modena e i rappresentanti dell’Unione sindacale italiana di Modena hanno segnalato all’assessore e ai funzionari problemi di tipo sociale e abitativo. “Abbiamo dato indicazioni sulle strade legittime da percorrere per trovare soluzioni e dato la nostra disponibilità, con il Centro stranieri, ad accompagnare in questi percorsi i cittadini tunisini”, continua Francesca Maletti. “È stata l’occasione per chiarire che azioni come l’occupazione di immobili non servono né a creare né ad accelerare le soluzioni al problema della casa o ad altre difficoltà sociali”, conclude l’assessore.