Home Modena Università: ammissione a Lingue e Culture Europee

Università: ammissione a Lingue e Culture Europee

Per la prova di ammissione al corso di laurea in Lingue e Culture europee dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia attesi 270 candidati. La selezione degli idonei avverrà domani, martedì 13 settembre. In netta prevalenza le donne, ma cresce la voglia di cultura umanistica anche tra gli uomini adulti.

Ampiamente superata la disponibilità di posti per l’ammissione al corso di laurea triennale in Lingue e Culture Europee, attivato presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

A fronte dei 200 posti programmati per italiani, comunitari extracomunitari soggiornanti in Italia, cui si aggiungo i 10 riservati agli extracomunitari residenti all’estero, quest’anno alle Segreterie Studenti dell’Ateneo sono giunte 270 richieste di iscrizione, che rendono necessario lo svolgimento del previsto test di selezione.

La prova, costituita da un questionario di domande a risposta multipla, parte del quale in lingua straniera ed il resto in italiano su argomenti di cultura generale, sulle capacità logico-linguistiche e di comprensione di un testo in lingua italiana su tematiche culturali, verrà sostenuta dai candidati domani, martedì 13 settembre.

L’appuntamento per tutti è alle ore 10,00 presso il Dipartimento di Chimica in via Campi 183 a Modena, dove prima dell’inizio saranno compiute le doverose procedure di identificazione. Pertanto, ai concorrenti si raccomanda di portare con sé un documento di identità valido, la copia della domanda-ricevuta debitamente controfirmata e l’attestazione comprovante l’avvenuto versamento del contributo spese richiesto di 40 euro.

Per questa prova risulta piuttosto ridotta la pattuglia dei maschi catturati dall’interesse per questo corso di laurea: appena 45 (16,67%) contro un vero e proprio esercito di donne, ben 225 (83,33%), che dimostra come la facoltà di Lettere e filosofia e, più in generale, gli indirizzi di studio umanistici appassionino in prevalenza l’universo femminile.