Reggio E.: 62° anniversario fucilazione Don Pasquino Borghi






    Il 30 gennaio 1944, a poco più di un mese dall’uccisione dei sette fratelli Cervi e di
    Quarto Camurri, al poligono di tiro di Reggio Emilia, i fascisti repubblicani fucilarono don Pasquino Borghi e altri otto antifascisti: Ferruccio Battini, Romeo Benassi, Umberto Dodi, Dario Gaiti, Destino Giovannetti, Enrico Menozzi, Contardo Trentini ed Enrico Zambonini.

    Il 62° anniversario dell’eccidio sarà ricordato domani, lunedì 30 gennaio, con alcune iniziative promosse da: Comune e Provincia di Reggio Emilia, Provveditorato agli Studi, Comitato Democratico Costituzionale, Istituto “Alcide Cervi”, Istoreco, Anpi, Alpi, Apci, Anppia.

    Questo il programma della giornata: alle ore 9.45 deposizione di una corona al poligono di tiro; alle 10.15 Messa in suffragio dei caduti nella Basilica della Ghiara, cui seguirà la deposizione di una corona davanti alla lapide di vicolo dei Servi; alle
    ore 10.50, presso l’ostello della gioventù in via Guasco, i saluti del sindaco Graziano Delrio e l’intervento della senatrice Albertina Soliani.
    In piazza 7 luglio sarà disponibile un autobus per andare e tornare dal poligono di tiro.









    Articolo precedenteSaldi: Consumatori, vendite scese del 10-15%
    Articolo successivoCarpi: a febbraio due settimane sulla moda