Home Cronaca Silp su Questura Modena

Silp su Questura Modena

“Nella giornata di ieri è apparso sulla gazzetta di Modena uno studio dell’ABI (associazione bancari italiana) che pone Modena tra le città più bersagliate dalla criminalità per quanto riguarda le rapine agli istituti di credito. Un dato in contro tendenza rispetto alle altre città dell’Emilia Romagna”.

“Infatti sempre secondo l’ABI, dall’inizio dell’anno c’è stato un aumento del 100% di rapine rispetto al medesimo periodo del 2005. Proprio il Silp per la CGIL di Modena in tempi non sospetti aveva segnalato a chi di dovere l’aumento esponenziale di questo fenomeno, ma sottovalutato dai vertici delle forze dell’ordine. Un indebolimento della presenza delle forze di Polizia dovute essenzialmente oltre che alla carenza di organico che non finiremo mai di denunciare, anche dall’errate scelte organizzative portate avanti dai vertici della Questura di Modena.
Infatti negli ultimi periodi abbiamo registrato una diminuzione di circa 15 operatori della squadra volante senza nessun rimpiazzo, dimostrando una scarsa attenzione all’attività di prevenzione propedeutica all’attività investigativa.
Inoltre dobbiamo registrare che oltre alla mancanza di personale dell’ufficio volanti non esiste un fattivo rapporto di collaborazione con l’attività investigativa della squadra mobile.
È da troppo tempo ormai che le scelte della Questura di Modena non trovano nessuna condivisione da parte del Silp per la CGIL, scelte che invece di migliorare hanno di fatto ingessato ed indebolito l’attività di alcuni settori importanti della Questura, come l’ufficio denunce e l’ufficio immigrazione.
In questo momento ci soffermiamo a denunciare il disagio solo di questi determinati uffici, consapevoli che le condizioni lavorative presso gli altri uffici di Polizia della provincia modenese non sono sicuramente migliori.
Quindi ci attendiamo che le nostre rimostranze vengano prese in considerazione da chi ne ha le responsabilità, anticipando che il Silp si farà portavoce del malessere esistente fra gli operatori di polizia nelle sedi opportune”.

(Segreteria Provinciale Silp, Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia)