Home Antiquariato Al via a Modena ‘7.8.Novecento’ la fiera delle rarità

Al via a Modena ‘7.8.Novecento’ la fiera delle rarità

Oggetti antichi, rari, preziosi, inediti e bizzarri ad un ottimo rapporto qualità-prezzo: l’introvabile altrove ha il suo punto di riferimento, ed è “7.8.Novecento, Gran mercato dell’antico” edizione 2006, al via da domani 16 novembre e in programma fino al 19 (orari per il pubblico: giovedì 16, ore 15-20; venerdì 17, sabato 18 e domenica 19, ore 10-20; giornate professionali: mercoledì 15 dalle ore 8 alle ore 18.00; giovedì 16 dalle ore 8 alle ore 13.00) nel quartiere fieristico di Modena.

La manifestazione, giunta alla sedicesima edizione e realizzata da studio Lobo in collaborazione con Ascom Confcommercio e il Sindacato antiquari di Modena, richiama migliaia di curiosi e collezionisti a caccia di arredi, suppellettili, dipinti, tessuti, pezzi d’arte extraeuropea e antichità per esterni.
Un’esposizione di alta qualità che è stata in grado nel corso del tempo di consolidare il suo prestigio grazie a un approccio nuovo al mercato dell’antico, riuscendo a catturare, con l’originalità e l’unicità degli oggetti esposti, l’attenzione degli esperti.

L’innovativa strategia di comunicazione, che passa attraverso i più importanti portali europei, statunitensi e italiani dedicati all’antiquariato, riviste francesi specializzate, newsletter, ha inoltre fatto conoscere la manifestazione in tutta Europa e oltreoceano.
Gli espositori che parteciperanno alla manifestazione sono 500 e grazie a questo numero la manifestazione modenese si colloca al secondo posto in Italia per numero antiquari presenti

E quest’anno il salone promette a visitatori ed espositori che arriveranno da tutto il mondo, grazie ad accordi con i tour operator, un ulteriore salto di qualità, sia nei numeri sia nel valore dell’offerta.
L’esposizione sarà come sempre molto variegata: l’offerta dei numerosi stand andrà dalle statue ai sontuosi mobili del Settecento, dai gioielli agli arredi per la casa e il giardino, fino a suppellettili di uso comune.
Grande importanza verrà data come sempre al modernariato e si potranno trovare diversi stand con complementi d’arredo ispirati all’estetica d’avanguardia del Novecento. Grazie alla formula espositiva, che prevede anche giornate professionali dedicate allo scambio tra espositori e commercianti, la kermesse è diventata un punto di riferimento non solo per gli operatori del settore ma anche per i neofiti, che potranno trovare iniziative a loro appositamente riservate, come “L’esperto risponde”, organizzata per offrire gratuitamente una valutazione degli oggetti portati dai visitatori. Insospettabili pezzi da museo, monete antiche, collezioni di stampe nascoste da anni nelle soffitte potranno dunque ottenere la giusta valutazione, come già accaduto nelle scorse edizioni.