Home Modena Viaggiare in aereo: i consigli di Adiconsum

Viaggiare in aereo: i consigli di Adiconsum

trasporti_aereo«Molti modenesi useranno l’aereo per andare in vacanza, sia in Italia che all’estero. Con questo decalogo vogliamo rendere un servizio di informazione sui diritti del passeggero». Il responsabile provinciale di Adiconsm-Cisl Angelo Ferrari Valeriani motiva così l’elenco dei consigli per evitare disagi a chi viaggia in aereo. «I diritti dei passeggeri aerei, infatti, non sono sempre ben conosciuti dai viaggiatori che, in aeroporto, spesso hanno bisogno di informazioni e assistenza “personalizzati” quando si verificano problemi come ritardi, cancellazioni del volo, overbooking o anche disservizi al bagaglio», spiega Ferrari Valeriani. Il responsabile dell’associazione consumatori della Cisl di Modena ricorda che la legge garantisce al passeggero specifiche forme di assistenza e, in certi casi, anche una compensazione pecuniaria.

In particolare, per evitare brutte sorprese, occorre verificare l’esattezza e il buon esito della propria prenotazione presso l’agenzia di viaggi, controllare attentamente tutti i dati di partenza, di costo e di arrivo, prima di effettuare online l’acquisto definitivo di biglietti o di pacchetti viaggio last minute; Adiconsum sottolinea, inoltre, che cambiare prenotazione può comportare un costo di gran lunga superiore al biglietto.

«Quando, invece, si viaggia con le compagnie low-cost, è opportuno verificare che dietro offerte di voli al costo di 4-5 euro non si nascondano costi occulti quali tariffe aggiuntive per check-in ondine, imbarco con priorità, tariffa aeroportuale aggiuntiva del nuovo rilascio della carta d’imbarco, tariffa aggiuntiva per neonati, tariffe bagagli affidati al check-in, con sommatoria dei costi aggiuntivi per singoli colli, sovrapprezzo per bagaglio in eccesso, costi aggiuntivi per articoli per bambini (seggiolini per auto/lettini da viaggio), costi aggiuntivi per attrezzatura sportiva e/o per strumenti musicali, tariffe aggiuntive per modifiche al volo e per cambio nominativo.

Per quanto riguarda la perdita del bagaglio, Adiconsum conferma che la richiesta di rimborso va indirizzata alla compagnia aerea; il vettore è tenuto al risarcimento fino a 1.167,00 euro. Per rimborsi superiori il modulo per la richiesta è reperibile presso l’assistenza bagagli dell’aeroporto (lost and found); il modulo va consegnato entro sette giorni (in caso di ritardo nella consegna entro 21 giorni dal viaggio).

I punti essenziali della Carta dei diritti del passeggero prevedono che in caso di mancata partenza (ad es. per negato imbarco–overbooking) si possa scegliere tra rimborso del biglietto, volo alternativo o compensazione pecuniaria. In caso di ritardo il passeggero ha diritto all’assistenza (pasti e bevande, telefonate, ecc.); in caso di ritardo oltre le cinque ore si ha diritto al rimborso del biglietto. In caso di cancellazione del volo, si ha diritto al rimborso del biglietto entro sette giorni o a una compensazione pecuniaria.

Per quanto riguarda il libretto sanitario, prima di partire per un altro Paese è bene verificare presso l’Ausl di Modena l’esistenza della convenzione di reciprocità con l’Italia per le cure mediche e richiedere la certificazione apposita per tempo presentando libretto sanitario, codice fiscale, dichiarazione del periodo di permanenza; comunque è bene portare con sé la tessera sanitaria. Infine i reclami: vanno indirizzati alla compagnia aerea e, per conoscenza, anche all’Enac quale ente preposto alla tutela dei passeggeri.

«In caso di mancata risposta al reclamo, prima di ricorrere al giudice – conclude il responsabile provinciale Adiconsum – è utile rivolgersi alla nostra sede provinciale (Palazzo Europa, lato via Rainusso – tel. 059.890897) per tentare una procedura di conciliazione».