Bologna: la Provincia si “riorganizza”, nasce il Settore Lavori Pubblici






    nettuno_bolognaDopo l’approvazione da parte della Giunta della “Revisione dell’assetto organizzativo dell’Ente” valida a partire dal 1° novembre, questo pomeriggio la presidente della Provincia Beatrice Draghetti ha comunicato al Consiglio provinciale i nomi dei nuovi dirigenti.

    “La revisione dell’assetto organizzativo – spiega Draghetti – si è resa necessaria per adeguare le strutture dell’ente agli obiettivi stabiliti nelle linee programmatiche delle azioni e dei progetti di mandato 2009-2014”.

    La principale novità rispetto alla precedente struttura organizzativa è la nascita del Settore Lavori Pubblici, che accorpa i Settori Viabilità ed Edilizia-Patrimonio, per rispondere all’esigenza di ricondurre sotto un’unica direzione l’attuazione del programma annuale e pluriennale delle Opere pubbliche realizzando una visione più organica delle attività connesse e un più efficiente utilizzo delle risorse finanziarie destinate agli investimenti.

    Altro Settore che viene riorganizzato in maniera significativa è l’Ambiente dove vengono istituiti 3 nuovi Servizi: “Tutela e sanzioni ambientali”, che riunisce in sé l’aspetto tecnico e amministrativo dei procedimenti autorizzatori e sanzionatori in materia di aria, acqua, rifiuti e bonifiche, “Pianificazione ambientale” che si occupa di pianificazione e di valutazioni di impatto ambientale, “Autorità d’ambito” (che eredita le competenze di ATO5). Viene invece soppresso il Servizio Qualità e sistemi di gestione ambientale poiché la certificazione ambientale EMAS passa sotto la Direzione Generale).

    Altre modifiche riguardano i Settori:

    – Bilancio e Provveditorato: che acquisisce l’Unità operativa “Società” dal Settore Affari Generali ed Istituzionali, considerato che la gestione delle partecipazioni societarie riguarda il patrimonio mobiliare dell’ente che è una componente rilevante del Bilancio,

    – Sviluppo economico: dove vengono istituiti il Servizio Attività produttive e turismo (come aggregazione dei Servizi Turismo e Artigianato commercio e industria) e il Servizio Agricoltura.

    – Servizi alla persona e alla Comunità: che acquisisce l’U.o. Promozione progetti e sviluppo sportivo dal Settore sviluppo economico, ritenendo l’attività più pertinente ai servizi alla comunità rispetto al tema economico.









    Articolo precedenteCarpi: in Consiglio la sicurezza della circolazione in Via Cattani
    Articolo successivoReggio: l’Assessore Ferrari circa il trasferimento Sert dalla Villetta Svizzera