Home Formigine Formigine: nuova fermata ferroviaria in località La Bertola

Formigine: nuova fermata ferroviaria in località La Bertola

Dopo l’apertura del nuovo sottopasso ciclo-pedonale avvenuta sabato scorso 16 ottobre in località La Bertola (intervento attuato dall’Amministrazione comunale di Modena), da lunedì prossimo 25 ottobre sarà attivata la nuova fermata della linea ferroviaria Modena-Sassuolo. La pensilina, realizzata già da parecchio tempo, sostituisce di fatto l’attuale storica fermata prospiciente la via Giardini, ormai inadeguata e scarsamente fruibile.

L’intervento rientra nell’accordo sottoscritto nel 2009 tra il Comune di Formigine, la Regione Emilia Romagna, la Provincia di Modena, Fer, aMo, e i Comuni di Fiorano, Sassuolo e Modena, per la realizzazione delle opere necessarie per rendere la linea ferroviaria Modena-Sassuolo un’asse portante della mobilità sostenibile, attraverso l’ammodernamento di mezzi e fermate e soprattutto attraverso la rimozione dei limiti strutturali esistenti.

“Siamo molto soddisfatti non solo dell’attivazione della nuova fermata ferroviaria, ma soprattutto dell’apertura del sottopasso ciclo-pedonale tra Baggiovara e La Bertola che garantisce un utile collegamento tra la parte est e la parte ovest di Casinalbo – dichiara il Sindaco Franco Richeldi – Riteniamo infatti che queste infrastrutture siano indispensabili per la ricucitura di ambiti urbanistici confinanti ma separati dalla linea ferroviaria. I cittadini potranno ora accedere con facilità sia al trasporto pubblico locale, sia ai servizi ed alle attività commerciali presenti nei rispettivi territori”.

A tale scopo, un’altra opera fondamentale sarà la prossima realizzazione del tratto finale della pista ciclabile di collegamento tra Casinalbo e l’Ospedale di Baggiovara sempre in collaborazione con il Comune di Modena, che consentirà di completare la rete ciclabile tra Formigine, Casinalbo, Modena e Baggiovara. “Si conferma così il forte impegno dell’Amministrazione comunale che si è sempre prodigata per favorire la mobilità ciclabile e pedonale, la cosiddetta mobilità dolce – conclude il Sindaco Richeldi – attraverso la realizzazione di una rete di percorsi in sicurezza che costituiscono una valida alternativa all’utilizzo dei veicoli a motore e contribuiscono alla riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico”.