Home Modena Modena, Pd cittadino: nuovi organismi dirigenti entro il mese di maggio

Modena, Pd cittadino: nuovi organismi dirigenti entro il mese di maggio

Andrea_SirottiIl Pd cittadino ha avviato il percorso che lo porterà al rinnovo, entro il mese di maggio, degli organismi dirigenti e alla scelta del nuovo segretario. Nel frattempo il Pd comunale sarà guidato in modo collegiale dall’attuale segreteria cittadina, allargata ai parlamentari entranti e uscenti, mentre il coordinatore dell’esecutivo Andrea Sirotti assumerà le funzioni di segretario cittadino in funzione vicaria.

L’Assemblea del Pd della città di Modena ha approvato, nella riunione di lunedì 18 marzo, un ordine del giorno che disegna il percorso che porterà alla scelta di un nuovo segretario e dei nuovi organismi dirigenti del Pd modenese entro il mese di maggio. Com’è noto, l’attuale segretario cittadino Giuseppe Boschini ha formalizzato le proprie dimissioni il 26 febbraio scorso. Nel frattempo, anche il segretario provinciale Davide Baruffi ha confermato le proprie dimissioni. A questo punto, i due percorsi, quello provinciale e quello cittadino, andranno intrecciandosi. La situazione nazionale, così come consegnataci dalle urne, è quanto mai incerta e complessa. Anche a livello locale ci sono temi e sfide che rendono necessario e urgente il rinnovo degli organismi dirigenti. Se da una parte, quindi, il Partito democratico cittadino è impegnato a garantire il pieno appoggio al difficile tentativo di Pier Luigi Bersani di costruire un governo in grado di dare risposte immediate ai gravi problemi del Paese, dall’altra c’è il preciso impegno ad “avviare un percorso democratico e partecipato” per la scelta dei nuovi organismi dirigenti. I tempi sono gli stessi che si è prefissa la Direzione provinciale del partito per l’analogo percorso provinciale: la fine del mese di maggio. L’Assemblea ha inoltre assunto, i temi contenuti negli ordini del giorno presentati nella riunione dell’11 marzo scorso. In particolare, l’organismo cittadino ha deliberato di far propri i temi proposti negli ordini del giorno “Nessuna ricetta precostituita” e “Un nuovo partito democratico protagonista del cambiamento”, assumendoli come contributi al dibattito “ sia per il percorso che porterà all’elezione del futuro segretario/a, sia per la discussione in fase congressuale”. Il regolamento per l’elezione del segretario e degli organismi dirigenti sarà presentato, nel giro di due-tre settimane, all’Assemblea cittadina: dovrà prevedere “modalità e tempistiche coerenti con l’obiettivo di favorire la partecipazione più ampia degli elettori e il voto di tutti gli iscritti, insieme all’individuazione di un organo collegiale di garanzia del congresso stesso”. A presentare il regolamento sarà l’attuale segreteria, integrata nella sua composizione a figure istituzionali e amministrative in carica in modo di assicurarne la massima rappresentatività. Da qui a maggio, il Pd comunale sarà guidato pro-tempore in modo collegiale dall’attuale segreteria cittadina, allargata ai parlamentari entranti e uscenti, mentre il coordinatore dell’esecutivo Andrea Sirotti assumerà le funzioni di segretario cittadino in funzione vicaria.