Carceri: dal 9 aprile si firma per tre leggi di iniziativa popolare sostenute da un ampio cartello di associazioni






    Martedì 9 aprile nella mattinata davanti ai tribunali di diverse città italiane, tra le quali Bologna e Ferrara,  sarà possibile firmare le tre proposte di legge di iniziativa popolare dirette rispettivamente a introdurre il delitto di tortura nel codice penale, a cambiare la legge Fini-Giovanardi sulle droghe, a ripristinare la legalità nelle carceri affollate.

    I promotori di questa campagna, ovvero le Organizzazioni A Buon diritto, Acat Italia, Adu, A Roma, insieme – Leda Colombini, Antigone, Arci, Associazione Federico Aldrovandi, Associazione nazionale giuristi democratici, Associazione Saman, Bin Italia, Cgil, Cgil – Fp, Conferenza nazionale volontariato giustizia, Cnca, Coordinamento dei Garanti dei diritti dei detenuti, Fondazione Giovanni Michelucci, Forum Droghe, Forum per il diritto alla salute in carcere, Giustizia per i Diritti di Cittadinanzattiva Onlus, Gruppo Abele, Gruppo Calamandrana, Il detenutoignoto, Itaca, Libertà e Giustizia, Medici contro la tortura, Naga, Progetto Diritti, Ristretti Orizzonti, Società della Ragione, Società italiana di Psicologia penitenziaria, Unione Camere penali italiane, Vic – Volontari in carcere comunicano che la raccolta delle firme per le tre proposte di legge di iniziativa popolare avverrà martedì 9 aprile dalle ore 9,00 alle ore 13,00

    – a Bologna, Via D’Azeglio angolo Via Carbonesi (quasi di fronte al Tribunale);

    – a Ferrara in piazza Municipale sotto il voltone del Cavallo.

    Le proposte mirano al ripristino della legalità nel nostro sistema penale e penitenziario.

    La prima, Introduzione del reato di tortura nel codice penale, vuole sopperire ad una lacuna normativa grave. In Italia manca il crimine di tortura nonostante via sia un obbligo internazionale in tal senso. Il testo prescelto è quello codificato nella Convenzione delle Nazioni Unite.

    La seconda, Per la legalità ed il rispetto della costituzione nelle carceri, vuole intervenire in materia di diritti dei detenuti e di riduzione dell’affollamento penitenziario, rafforzando il concetto di misura cautelare intramuraria come extrema ratio, proponendo modifiche alla legge Cirielli sulla recidiva, imponendo l’introduzione di una sorta di “numero chiuso” sugli ingressi in carcere, affinché nessuno vi entri qualora non ci sia posto. Insieme alla richiesta di istituzione di un Garante nazionale per i diritti dei detenuti, viene anche proposta l’abrogazione del reato di clandestinità.

    La terza proposta, Modifiche alla legge sulle droghe: depenalizzazione del consumo e riduzione dell’impatto, vuole modificare la legge sulle droghe che tanta carcerazione inutile produce nel nostro Paese. Viene superato il paradigma punitivo della legge Fini-Giovanardi, depenalizzando i consumi, diversificando il destino dei consumatori di droghe leggere da quello di sostanze pesanti, diminuendo le pene, restituendo centralità ai servizi pubblici per le tossicodipendenze.

    Il programma completo delle proposte di legge, con il relativo articolato, è consultabile sul sito www.3leggi.it .

     









    Articolo precedenteEtica pubblica e dignità dello Stato: giovedì a Modena lezione del magistrato Piercamillo Davigo
    Articolo successivoDal 9 all’11 aprile modifiche agli orari di apertura degli Uffici Clienti del Gruppo Iren per Assemblee Sindacali