A Modena si ripete l’esperienza della scuola intensiva primaverile di videosorveglianza






    A Modena i massimi esperti mondiali di videosorveglianza per partecipare ad una tre giorni di scuola intensiva dal titolo “Short Spring School on Surveillance S5” promossa dal Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

    Dopo il grande successo di partecipazione riscossa dalla prima edizione del 2011, da martedì 7 a giovedì 9 maggio 2013 presso il Campus di Ingegneria (via Vignolese), si ripeterà l’esperienza di questo evento unico nel suo genere, rivolto ai giovani ed anche al mondo dell’industria capace di portare in città esperti del settore quali Horst Bishof della Institute for Computer Graphics and Vision di Inffeldgasse Graz (Austria), Francois Bremond dell’INRIA (Francia), Larry Davis dell’Institute for Advanced Computer Studies dell’Università del Maryland (USA), Greg Mori della Simon Fraser University (Canada), Shmuel Peleg della The Hebrew University of Jerusalem (Israele) e Bernhard Rinner dell’Alpen-Adria-Universität Klagenfurt (Austria). Tutti loro nel corso della tre giorni modenese porteranno un proprio algoritmo o sistema ed eventualmente dei datasets di immagini o video così da poter mostrare dal vivo il sistema sotto forma di demo.

    “Sono felice che si possa riportare a Modena per la seconda volta questa esperienza – commenta la prof. Rita Cucchiara, Direttore della Scuola e docente di Visione Artificiale all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – e ringrazio di cuore chi la ha resa possibile in particolare i colleghi Simone Calderara ed Andrea Prati e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena che ci ha supportato economicamente. La scuola è orientata soprattutto a dottorandi e giovani ricercatori e avremo a Modena giovani provenienti da tutta Europa, ma saranno presenti anche alcuni imprenditori locali e ricercatori impiegati nell’industria. I temi trattati sono di grande interesse, soprattutto riguardanti l’interpretazione automatica delle azioni e dei comportamenti delle persone a partire da video. Sono temi che si applicano alla sicurezza e alla video sorveglianza ma hanno un grande impatto applicativo in molti altri settori, dalla gesture anlaysis per smartphone, alle interfacce uomo macchina, alla analisi di video sui social network. Sono tutti ambiti in cui i nostri laboratori di ingegneria informatica a Modena e Reggio Emilia sono piuttosto attivi e rinomati a livello internazionale”.

    La fase interattiva della scuola darà la possibilità a tutti i partecipanti, informati anticipatamente delle demo disponibili e delle loro caratteristiche, di portare a loro volta dataset di immagini o video per provare e discutere assieme approcci e risultati.

    Al termine della scuola la miglior demo di giovani ricercatori o dottorandi sarà premiata con un “best demo S5 award” e con un premio offerto dal GIRPR che sponsorizza la scuola S5.

    Tutte le informazioni sul programma, le biografie dei relatori e gli abstract dei loro interventi sono reperibili sul sito della scuola http://imagelab.ing.unimore.it/s5

    L’evento è stato reso possibile anche grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

     









    Articolo precedenteFiorano, concorso “Vetrine Verdi”: iscrizioni entro sabato 11 maggio
    Articolo successivoGrande flash mob per la Notte Bianca di Scandiano: siete tutti invitati a ballare!