I professionisti a lezione dai magistrati: domani a Modena il primo appuntamento






    Si inaugura domani, venerdì 10 maggio alle ore 15 presso la Sala “G. Panini” della Camera di Commercio di Modena, il primo Master per Consulente Tecnico d’Ufficio e di parte nei procedimenti civili e penali. L’iniziativa è promossa dall’Ordine degli Ingegneri in collaborazione con il Tribunale di Modena e gli Ordini e Collegi professionali modenesi di area tecnica: Architetti, Dottori Agronomi e Forestali, Chimici, Periti Industriali, Geometri.

    La lezione inaugurale sarà dedicata ad introdurre ruolo, compiti e responsabilità della figura del Consulente Tecnico d’Ufficio: i relatori saranno l’ingegnere Giuseppe Cauti e l’architetto Pasquale Polidori, due professionisti che operano da diversi anni come consulenti esperti a supporto degli organi di giustizia in diverse sedi italiane.

    Il corso proseguirà nella stessa sede anche nella giornata di sabato 11 maggio: dalle ore 9 alle ore 13 è in calendario la seconda lezione, che analizzerà gli aspetti deontologici e metodologici delle prestazioni professionali rese dai Consulenti Tecnici di parte dipendenti d’azienda. Per questo secondo appuntamento i dott. Cauti e Polidori saranno affiancati in qualità di docente dal prof. Francesco Basenghi, consulente in diritto del lavoro e risorse umane.

    L’iniziativa del Master per Consulenti Tecnici d’Ufficio e di parte nei procedimenti civili e penali nasce per rispondere ad una crescente e concreta necessità: la complessità e l’elevato numero dei contenziosi civili e penali aperti presso le sedi giudiziarie italiane rende sempre più necessaria e preziosa questa figura professionale, che mettendo la propria qualificata esperienza a disposizione dei magistrati fornisce un servizio indispensabile al corretto funzionamento della giustizia. I Consulenti Tecnici d’Ufficio trovano il loro campo d’azione nei temi più vari, sia in ambito civile sia in quello penale: dall’urbanistica alle cause fallimentari, dalle perizie per incidenti stradali o infortuni sul lavoro alle consulenze in tema espropriativo e di diritto societario, fino ai procedimenti per reati ambientali o di abusi edilizi. I CTU diventano così ausilio e strumento del giudice nella formulazione delle sentenze, producendo una sinergia tra mondo delle professioni e magistratura che realizza una proficua collaborazione tra i vari soggetti coinvolti nei procedimenti, finalizzata ad una giustizia più rapida, più giusta e meno costosa. Alla luce di questa necessità, gli Ordini e i Collegi professionali modenesi di area tecnica hanno deciso di avviare un percorso formativo che ha lo scopo di preparare adeguatamente un congruo numero di queste figure professionali, dall’elevato contenuto specifico e con alta capacità di interagire con gli ambienti della magistratura.

     

    Il corso è strutturato in 12 incontri. La segreteria organizzativa è a cura dell’Associazione “Professione Ingegnere”.

     

     

     









    Articolo precedenteCooperative sociali: si è concluso il corso di marketing organizzato dal Consorzio Quarantacinque e da Qua.Dir
    Articolo successivo“L’Orlando ritorna a giocare”… a Scandiano riapre la ludoteca