Home Politica Cardone (PSI) sulla chiusura dell’attività di “Chirurgia Senologica“ svolta all’Ospedale di Sassuolo

Cardone (PSI) sulla chiusura dell’attività di “Chirurgia Senologica“ svolta all’Ospedale di Sassuolo

Ospedale-Sassuolo-10Nella più completa “afasia“ politica si sta consumando un ulteriore danno a carico dei cittadini sassolesi e del distretto sanitario dell’area Sud. Nei giorni scorsi i “manager” della sanità modenese avrebbero deciso, “motu proprio“, di chiudere a partire da gennaio 2014 l’attività di “ Chirurgi Senologica“ svolta presso l’Ospedale di Sassuolo. La funzione primaria sarebbe trasferita al Policlinico di Modena e verosimilmente potenziata anche la chirurgia dell’Ospedale di Carpi.

E’ il caso di ricordare la complessa e meritoria attività svolta, sul piano qualitativo e quantitativo, dall’Ospedale di Sassuolo: nel 2012 si sono registrati circa 200 interventi di chirurgia mammaria (rispetto agli 85 del 2005), accompagnati da oltre 4.000 mammografie, per non contare le visite e quant’altro richiesto dai protocolli. L’Ospedale di Sassuolo vanta radiologi, chirurghi, chirurghi plastici e oncologici di elevata professionalità in grado di relazionarsi tra loro per evitare eccessivi tempi di attesa e offrire le migliori cure possibili.

Anziché coordinare i lavori per rendere Sassuolo il punto riferimento dell’Area Vasta Sud, si sono cercate soluzioni a mio avviso illogiche (forse per soddisfare appetiti altrui?), mascherandole con il possibile risparmio sanitario nell’accentrare tale attività al Policlinico.

Ma quale sarà il dispendio sociale per una tale scelta?. Non vorremmo che succedesse la stessa cosa ai tempi dello scippo di ortopedia 1.

Va bene che il PAL 2011/2013 a fine anno scadrà, senza aver cambiato niente, ma i cittadini ricordano quanto scritto: “la cura di patologie importanti avverrà negli ospedali di area, Baggiovara, Policlinico, Carpi e NON ULTIMO Sassuolo“.

(Mario Cardone, Coordinatore provinciale PSI Modena)