Home Bassa modenese Protezione civile, la Regione stanzia tre milioni 200mila euro per potenziare la...

Protezione civile, la Regione stanzia tre milioni 200mila euro per potenziare la rete dei centri e dei presidi

protezione-civileIl sistema regionale di protezione civile si irrobustisce e consolida la propria organizzazione sul territorio emiliano-romagnolo. La Regione ha approvato il Programma 2015 degli interventi a potenziamento della rete dei centri e presidi di protezione civile a livello comunale, sovracomunale e provinciale, con uno stanziamento di risorse complessive pari a tre milioni 200mila euro sul bilancio 2015. Nel complesso si tratta di 63 interventi di finanziamento, di cui 38 destinati a strutture già esistenti o già sostenute in passato, mentre 25 sono indirizzati a sedi operative nuove o mai finanziate in precedenza.  I fondi sono stati assegnati con la delibera di Giunta n. 1926/2015.

E’ la prima volta che la Regione stanzia e destina agli enti locali risorse proprie per rafforzare e completare i presidi di protezione civile sul territorio. Dal 2000 ad oggi, gli oltre 20milioni di euro investiti per interventi sulla rete territoriale dell’Emilia-Romagna sono state risorse statali messe a disposizione attraverso il Fondo regionale di Protezione civile, istituito dalla legge 388/2000, e non più rifinanziato dal 2008.

“Si tratta di un ulteriore sostegno della Regione Emilia-Romagna agli enti locali – ha dichiarato l’assessore alla Difesa del suolo e della costa e Protezione civile Paola Gazzolo – per migliorare la capacità di risposta dei territori in caso di emergenze e calamità. Questi finanziamenti si inseriscono in una programmazione quindicinale che, dopo l’interruzione dei finanziamenti statali nel 2008, riprende ora con risorse regionali. Abbiamo voluto potenziare in modo particolare il sistema di protezione civile nei Comuni collocati nell’area del cratere del sisma del 2012, a cui si affianca l’attenzione a completare iniziative e interventi, già avviati dagli enti locali”.

Dei 63 interventi programmati, 17 vanno a potenziare, strutturare o dotare di attrezzature più moderne centri e sedi operative collocate nell’area del cratere del sisma del 2012: si tratta in particolare di interventi a sostegno di strutture collocate nei Comuni di Guastalla, Luzzara e Rolo  (RE); Bomporto, Carpi, Finale Emilia, Mirandola, San Felice sul Panaro e San Prospero (MO); Baricella, Crevalcore, Malalbergo, Sant’Agata bolognese e all’Unione dei Comuni Reno Galliera (BO); Bondeno e Vigarano Mainarda (FE).

Tra gli interventi finanziati, il potenziamento di strutture operative esistenti a livello sovracomunale (sale operative dei Vigili del Fuoco, della Protezione civile, della Polizia municipale, delle Unioni di Comuni), anche attraverso l’acquisto di attrezzature più moderne (informatiche, radio); miglioramenti e ampliamenti di aree di ammassamento o di prima assistenza per i soccorsi; interventi di manutenzione straordinaria o di adeguamento delle sedi in funzione; realizzazione di sedi operative ex novo (come la “Casa della protezione civile” a San Prospero).

Tabella dei finanziamenti per ogni provincia

 suddivisione