Home Bassa reggiana Il progetto “Jaima Tenda” di accoglienza di bambine e bambini sahrawi

Il progetto “Jaima Tenda” di accoglienza di bambine e bambini sahrawi

bimbi-sahrawiAnche quest’anno l’associazione Jaima Sahrawi di Reggio Emilia promuove il progetto “Jaima Tenda” di accoglienza di bambine e bambini sahrawi provenienti dai campi profughi della RASD (Repubblica Araba Sahrawi Democratica) situati nel pieno del deserto algerino, vicino alla città di Tindouf.

Il progetto, giunto alla sua XVII edizione, sarà rivolto quest’anno a 35 minori sahrawi, i quali saranno ospitati nelle prime tre settimane di luglio presso alcune famiglie reggiane nei Comuni di Reggio, Albinea, Bibbiano, Scandiano, Bagnolo, Rubiera, Guastalla, Gualtieri, Reggiolo e Novellara resesi disponibili ad accogliere i “Piccoli Ambasciatori di Pace”, per poi proseguire il percorso di accoglienza in gruppo presso diverse strutture dislocate in tre differenti regioni grazie alla solidarietà di parrocchie, associazioni, enti locali e semplici cittadini che da anni hanno aderito a questo importante progetto.

Durante la loro permanenza, i bambini saranno sottoposti a uno screening sanitario completo, ed eventuali interventi saranno coperti grazie all’intervento attivo della Regione Emilia Romagna, che da anni è al fianco del popolo sahrawi nella sua legittima lotta di autodeterminazione. Il progetto vuole poi offrire ai giovani sahrawi un’esperienza di vacanza all’estero piacevole e positiva per la loro crescita, che al contempo promuova i valori dell’accoglienza, della tolleranza, dell’incontro interculturale, della solidarietà e di una pace da costruirsi giorno per giorno attraverso piccole ma significative azioni, da attuarsi sia sul piano locale che su quello internazionale.

Il grande valore del progetto è testimoniato dal sostegno che lo stesso ha ricevuto negli anni dalle centinaia di famiglie e di semplici volontari che vi hanno aderito fin dalla sua nascita, e dai numerosi Comuni che hanno stipulato Patti di Amicizia con le omologhe istituzioni sahrawi, cui si aggiungerà quest’anno anche il Comune di Boretto , che stipulerà il Patto alla presenza dei Piccoli Ambasciatori di Pace giovedì 21 luglio.

I bambini riceveranno anche il saluto della Città di Reggio Emilia: i nostri Piccoli Ambasciatori di Pace saranno infatti ricevuti in Sala del Tricolore sabato 16 luglio, in occasione del Mandela Day, a partire dalle ore 9.00, a testimonianza di quanto esperienze simili possano giocare un ruolo fondamentale nella promozione della tolleranza, dell’antirazzismo e dell’autodeterminazione dei popoli, in un momento storico-politico in cui si avverte forte il bisogno di una loro decisa riaffermazione. L’associazione Jaima Sahrawi invita dunque tutta la cittadinanza a celebrare assieme a noi l’amicizia che lega il nostro territorio al Sahara da oltre 16 anni, con la speranza che questo conflitto dimenticato possa presto risolversi attraverso una soluzione giusta, non-violenta, rispettosa del diritto all’autodeterminazione dei popoli, e che possa soprattutto dare ai nostri piccoli ospiti la prospettiva di un futuro migliore, dando loro l’opportunità di realizzare sogni e progetti, così come dovrebbe essere per ogni bambino.