Home Modena 8 marzo 2018: la Polizia di Stato modenese in piazza contro la...

8 marzo 2018: la Polizia di Stato modenese in piazza contro la violenza alle donne

Nell’ambito delle iniziative connesse alla campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere “Questo non è amore”, promossa dalla Polizia di Stato, anche giovedì 8 marzo in occasione della giornata dedicata alla “Festa della Donna”, verranno allestiti due distinti punti di ascolto. Uno stand sarà predisposto nel corso della mattinata all’interno del Centro Commerciale “I Portali”, l’altro, nel pomeriggio, in piazza Roma a corollario della manifestazione podistica “Donne in corsa”.

L’équipe specializzata, composta da personale della Divisione Polizia Anticrimine, della Squadra Mobile e dell’Ufficio Sanitario, sarà a disposizione della cittadinanza con l’obiettivo di favorire l’emersione del fenomeno della violenza di genere, garantire un supporto a eventuali vittime e fornire una corretta informazione in materia.

La Polizia di Stato si impegna quotidianamente nella prevenzione del fenomeno della violenza di genere, esempio ne è proprio l’adozione del Protocollo EVA, acronimo di “Esame Violenze Agite”. Si tratta di una modalità operativa per il primo intervento degli operatori di polizia addetti al controllo del territorio nei casi di violenza di genere.

Il protocollo prevede l’elaborazione di una “Processing Card”, composta da una serie di schede che gli agenti devono compilare ed inserire negli archivi informatici di polizia ogni volta che intervengono in un caso di violenza di genere. Da questo archivio, la Sala Operativa può estrarre informazioni fondamentali (su chi ha richiesto l’intervento, sulla eventuale presenza di armi censite all’interno dell’abitazione, su eventuali precedenti di polizia a carico delle persone coinvolte, ecc.) da comunicare alla Volante per tutelare sia la vittima sia gli operatori.

Le utenze telefoniche delle vittime confluiscono in un database specifico. In questo modo, l’operatore della Sala Operativa ha la possibilità di riconoscere immediatamente le richieste di soccorso che giungono attraverso contatto telefonico censito così da poter fornire sin dalla fase di risposta una adeguata assistenza al richiedente.

Una delle finalità del “Protocollo EVA” è quella costruire una memoria storica per prevenire, monitorare il fenomeno e agevolare la scelta di una valida strategia di contrasto che può anche prevedere l’adozione di provvedimenti restrittivi nei confronti del reo (arresto obbligatorio in flagranza o adozione in via di urgenza di altra misura cautelare, ad esempio l’allontanamento di urgenza dalla casa familiare, per i reati di “maltrattamenti contro familiari e conviventi”).

A Modena nell’ultimo anno sono stati compilati 147 modelli EVA relativi agli interventi effettuati in casi di violenza di genere o litigi familiari, indipendentemente dal fatto che si sia configurato un reato o dalla proposizione di una formale denuncia/querela. 32 invece sono stati gli ammonimenti, ovvero i provvedimenti amministrativi di natura preventiva adottati dal Questore di Modena.