Home Regione Rinnovamento del patrimonio sportivo: dalla Regione altri 8,6 milioni per l’impiantistica

Rinnovamento del patrimonio sportivo: dalla Regione altri 8,6 milioni per l’impiantistica

Si allarga la maxioperazione di rinnovamento e ristrutturazione del patrimonio sportivo dell’Emilia-Romagna avviata dalla Regione nel 2018. La Giunta guidata dal presidente Stefano Bonaccini ha infatti stanziato altri 8,6 milioni di euro, inseriti nel bilancio 2019 e pluriennale 2019-2021, permettendo così la realizzazione ulteriori 39 progetti di ampliamento, miglioramento o realizzazione di nuove strutture nei territori, dedicate a tutte le discipline e all’attività motoria in generale: campi da gioco, palazzetti, spazi polivalenti, piscine, palestre, scolastiche e non.

Le risorse si aggiungono ai 30 milioni di euro che nel luglio scorso avevano permesso all’esecutivo regionale di finanziare già 97 progetti attraverso il bando a cui i Comuni avevano partecipato in massa. Con i fondi aggiuntivi, già stanziati e quindi già disponibili, è stato possibile scorrere ulteriormente la graduatoria del bando, portando a 136 i progetti sostenuti dalla Regione, per interventi in altrettanti Comuni in tutte le province, da Piacenza a Rimini. Il contributo regionale copre il 50%della spesa ammissibile ma per i Comuni rientranti nelle zone montane e nelle aree interne arriva al 70%.

Provincia di Bologna: 2 milioni e 358 mila euro per 5 progetti

Nel capoluogo, 1 milione di euro per riqualificare il centro sportivo dell’Arcoveggio (costo complessivo 2 milioni di auro). 387 mila euro vanno al Comune di Lizzano in Belvedere per la riqualificazione centro sportivo in località Vidiciatico (costo complessivo dell’intervento 554 mila euro) e mezzo milione di euro al Comune di Castel di Casio per un intervento alla palestra comunale (costo complessivo 875 mila euro) per il miglioramento sismico e di riqualificazione energetica, con rimozione di amianto dalla copertura, prevenzione incendi e opere di superamento delle barriere architettoniche per la fruibilità ai diversamente abili. A Monghidoro andranno 160 mila euro per l’ampliamento e l’adeguamento funzionale degli impianti sportivi comunali ovvero della palestra, della palazzina spogliatoi e campo di calcio (costo complessivo 320 mila euro). Infine, al Comune di Bentivoglio sono destinati 310 mila euro per sistemare l’area tribune e parcheggio del campo sportivo.

“Dopo pochi mesi- afferma il presidente Bonaccini, che ha la delega allo Sport-rispettiamo l’impegno che avevamo preso di fronte alla grande partecipazione dei territori, quello cioè di aumentare le risorse disponibili per poter sostenere ancor più progetti dei Comuni. L’operazione, di portata già straordinaria e forse unica nel suo genere a livello nazionale, diventa ora ancor più importante e attiverà un investimento complessivo ben superiore ai 100 milioni di euro. Aggiungiamo quasi altri 9 milioni di euro perché crediamo che mettere a disposizione una impiantistica sportiva nuova o riqualificata per gli emiliano-romagnoli, dai bambini e i ragazzi agli adulti e agli anziani, sia il modo migliore per garantire loro il diritto di fare sport, attività motoria, esercizio fisico. Di dare ancor più fiducia e sostegno a un mondo fatto di associazioni, società sportive e tantissimi volontari, nel quale- chiude il presidente della Regione- possono essere rafforzati i valori dello stare insieme e il fare comunità”.

“I fondi stanziati nel triennio 2019-2021 – precisa il sottosegretario alla Presidenza della Giunta, Giammaria Manghi- permetteranno in particolare di erogare il contributo regionale a tutti i progetti che hanno raggiunto almeno i 40 punti di valutazione. Arriveremo così a finanziare 136 progetti sui 175 che sono in graduatoria, circa il 78% dei progetti in graduatoria: quasi 8 su 10, un risultato veramente importante, per una Regione che ha fatto dello sport, a partire da quello di base, una priorità vera, con investimenti inediti per quantità, cui aggiungere la qualità dei progetti e il lavoro di squadra svolto insieme ai territori, di grande efficacia”.

Nel corso del 2019 la Regione sarà impegnata nel rafforzare la collaborazione con le scuole, con le federazioni, le società, gli operatori e gli enti locali.

Dal presidente Bonaccini arriva anche la notizia della conferma quest’anno dei fondi per i bandi a sostegno delle manifestazioni sportive e dei progetti di sensibilizzazione alla pratica motoria e sportiva, con uno stanziamento di 2,7 milioni di euro.

Presenti all’incontro anche i sindaci di Berceto (Pr) Luigi Lucchi e di Castel Novo ne’ Monti (Re) Enrico Bini e l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Novafeltria (Rn), Fabio Pandolfi, che hanno ringraziato la Regione per i contributi ricevuti che offrono l’opportunità di qualificare l’impiantistica sportiva e consentono di realizzare eventi per rilanciare il territorio.

2019, anno di grandi eventi sportivi

Il 2019 sarà un anno importante anche per la promozione dei grandi eventi, che sono anche strumenti strategici di valorizzazione dei territori e di attrazione turistica e per i quali il bilancio regionale prevede uno stanziamento di 4,4 milioni di euro. Tra questi spiccano: il Giro d’Italia, con la grande partenza da Bologna e le cinque tappe previste regione che interesseranno Bologna, Riccione, Ravenna, Modena e Carpi, oltre a San Marino; il Campionato Europeo di Calcio Under 21, con le partite che si giocheranno a Reggio Emilia, Bologna, Cesena e nella Repubblica del Titano; le final four del Campionato Primavera di calcio (Reggio Emilia); il campionato italiano di ciclismo (Appennino Parmense); la Beach volley World League (Cervia-Pinarella) e l’Iron Man (Cervia).

“Iniziative che rappresentano straordinarie opportunità per arrivare a centinaia di migliaia di persone e di sportivi- conclude il presidente Bonaccini- ma anche per far conoscere i nostri splendidi territori, portando valore aggiunto all’economia regionale attraverso un settore, quello turistico, che sta registrando una crescita record ormai da tre anni. Ma anche appuntamenti suggestivi attraverso i quali raccontare le nostre eccellenze, facendolo con lo sport, in discipline in cui l’Emilia-Romagna ha regalato agli appassionati italiani e di tutto il mondo così tante squadre e campioni leggendari”.