Home Casalgrande Pallamano: Casalgrande si tinge di azzurro. Prodi e Aldini con  la Nazionale...

Pallamano: Casalgrande si tinge di azzurro. Prodi e Aldini con  la Nazionale U17 verso la Svezia

Sono 20 i convocati della nazionale U17 a disposizione del direttore tecnico Riccardo Trillini e dei suoi collaboratori Popovic , Malavasi e Palazzi, che svolgeranno lo stage dal 24 al 30 Giugno a Modena, in preparazione alla trasferta in Svezia, dove, dall’1 al 5 Luglio, a Goteborg, avrà luogo lo European Open. Italia inserita in un difficile preliminary round con Romania, Austria, Olanda, Islanda e Montenegro. Inizia da qui la strada in preparazione al campionato europeo del 2020, in cui gli azzurrini dovranno difendere il posto nella prima divisione europea.

Tra i 20 convocati allo stage, ancora una volta Enrico Aldini, capitano  del team ceramico Casalgrande Padana, perno  su cui i tecnici azzurri puntano a costruire la linea difensiva azzurra, inserito nel gruppo ruolo dei pivot, insieme a Sontacchi (Pallamano Pressano) e Romei (Fiorentina Handball). Accanto a quella del suo capitano, arriva per lo Spallanzani Casalgrande anche la grande soddisfazione per la convocazione di Riccardo Prodi, il velocissimo centrale reggiano, protagonista alle finali nazionali terminate da pochi giorni, la cui rapidità ed agonismo non sono passati inosservati agli occhi dei tecnici federali, ed aggregato nel gruppo centrali e terzini.

Il responsabile del Settore Giovanile, prof. Fiumicelli:”Trovo questa convocazione ampiamente meritata, per maturità,impegno, talento e capacità di questi ragazzi. Hanno lavorato duramente tutta la stagione per raggiungere risultati davvero fantastici. Se da un lato la convocazione di Aldini è ormai una conferma, dall’altro, quella di Prodi dà la misura effettiva di come il progetto che portiamo avanti sui nostri giovani, frutto della collaborazione tra tutti i tecnici ed i dirigenti della società, stia portando risultati esaltanti. E’ per loro una ulteriore occasione di crescita e sarà una esperienza faticosa ma entusiasmante, ma anche di responsabilità: la maglia azzurra si sa, esige rispetto”.