Home Economia Consorzio Emilia Centrale, il bilancio passa l’esame-voto del nuovo Consiglio

Consorzio Emilia Centrale, il bilancio passa l’esame-voto del nuovo Consiglio

Il bilancio del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale supera brillantemente l’esame del passaggio sotto la lente di approvazione del nuovo Consiglio di Amministrazione eletto nell’autunno scorso. L’unanimità di giudizio positivo ha promosso gli indicatori economico-finanziari generali, tutti in miglioramento, e i risultati analitici dei singoli settori di azione per difesa e sviluppo del territorio. Il Comitato direttivo dell’ente ha scelto per la comunicazione annuale ai soci del consuntivo del 2018 e delle prime buone analisi per i primi mesi del 2019 il polo logistico-operativo della Traversa di Castellarano – San Michele, a cavallo tra le Provincie di Reggio Emilia e Modena, dove il Consorzio ha realizzato un importante invaso a scopi irrigui capace di contenere fino a 800.000 m.c. d’acqua irrigua, oltre alla neonata centrale idroelettrica gestita dalla società controllata BI Energia insieme al Gruppo IREN, vero e proprio gioiello di tecnologia tutta nazionale.

Avendo come mission operativa e funzionale l’investimento costante dei fondi provenienti dai contributi dei consorziati per la sicurezza idraulica, la lotta al dissesto idrogeologico, il miglioramento ambientale e l’essenziale pratica irrigua per la crescita delle colture tipiche, il Consorzio ha comunque ottenuto un risultato utile di esercizio 2018 di 258.588 euro in relazione soprattutto ai significativi risparmi nei consumi energetici e nella ottimizzazione della gestione del personale. I mesi appena trascorsi poi sono stati fondamentali per la conferma della validità strategica dei progetti consortili nell’intero comprensorio, una progettualità rigorosamente effettuata “in house” dallo staff tecnico ingegneristico del Consorzio che ha portato all’assegnazione – a fine 2018 inizio 2019 – di circa 42 milioni di euro di finanziamenti straordinari per le nuove opere pianificate e approvate dagli enti sovracompetenti. Altri fondi dal PSRN e PSR e Progetti Life comunitari per la realizzazione di una lunghissima serie di opere ed interventi di consolidamento, messa in sicurezza, miglioramento delle reti, risparmio idrico e oltre 120 cantieri aperti nelle zone montane di prossimità per la difesa del suolo e l’efficienza delle reti viarie. I ricavi complessivi generati dalla contribuenza consortile introitata ammontano a 23.485.231 euro (in leggera diminuzione di € 493.148 rispetto al budget a causa della flessione dell’irrigazione variabile visti i periodi meno siccitosi rispetto al 2017).

“Questa approvazione – ha commentato alla conclusione della presentazione, ringraziando i  consiglieri, il presidente del Consorzio di Bonifica Emilia Centrale Matteo Catellani – mostra lo stato di buona salute dell’ente e la sua propensione dinamica all’operatività in ogni comparto in cui agisce direttamente impiegando mezzi , professionalità e capacità progettuale di ottimo livello. L’impegno è di proseguire in questa direzione, cercando di rispondere alle esigenze dei nostri consorziati”. Anche le sfide più immediate sono un primo rilevante step sulla strada delle nuove opere: “ Abbiamo ottenuto somme ingenti frutto di progetti validi – ha aggiunto il direttore generale  Domenico Turazza – ora il traguardo sarà realizzare opere di qualità in tempi utili per i nostri consorziati e le imprese agricole. Per quanto riguarda il bilancio ringrazio il Consiglio e tutto il personale del Consorzio che ha consentito questo risultato non scontato, frutto del gioco di squadra di tutti”.