Home Bologna Al via i pomeriggi all’aria aperta dedicati ai pazienti dell’Ospedale Bellaria

Al via i pomeriggi all’aria aperta dedicati ai pazienti dell’Ospedale Bellaria

Ginnastica dolce, lezioni di Qi Gong, passeggiate guidate tra gli alberi, arpaterapia, bioginnastica. Sono le attività all’aria aperta, alle quali da oggi i pazienti dell’Ospedale Bellaria e i loro accompagnatori potranno accedere, nell’ambito del progetto “La Natura, la Musica e la consapevolezza durante le cure”.

Il progetto è stato presentato oggi 10 ottobre, all’Ospedale Bellaria, alla presenza di Giovanni Frezza, Direttore Dipartimento Oncologico, Francesca Novaco, Direttore Generale f.f. dell’Azienda Usl di Bologna, Gioacchino Pagliaro Direttore Psicologia Ospedaliera. Presenti anche Alessandro Arcidiacono, Presidente di Bimbo Tu e Alberto Possati, privato cittadino, finanziatori del progetto.

Nato da un’idea di Gioacchino Pagliaro, Direttore della Psicologia Ospedaliera, il progetto ruota attorno al concetto di benessere e di equilibrio tra corpo e mente. Il ricovero e alcune particolari cure alle quali sono sottoposti per esempio i pazienti oncologici, possono accentuare alcuni disturbi psicologici e psicopatologici, come la destabilizzazione umorale che, se trascurati, possono alimentare paure, ansie e stress, con un impatto negativo sull’organismo. “La letteratura scientifica – racconta Pagliaro – ha dimostrato negli anni come il contatto con la natura e con le piante, può integrarsi con le cure e offrire un’azione benefica”.

L’Ospedale Bellaria, immerso nel verde, circondato da una vasta varietà di piante e alberi, offre un panorama paesaggistico suggestivo che ben si presta alla causa. “L’idea alla base del progetto – spiega Gioacchino Pagliaro – è sfruttare la potenzialità benefica di questo luogo favorendo il contatto con i pazienti e i loro accompagnatori. Anche il punto scelto per la costruzione del gazebo che ospiterà le attività non è casuale, infatti è stato individuato calcolando il campo elettromagnetico emesso dalle piante. Inoltre le pratiche motorie occidentali e quelle bioenergetiche orientali, attraverso lo sviluppo della consapevolezza, rappresentano delle concrete opportunità per favorire un’azione riequilibrante nel corpo e nella mente”.

A guidare le lezioni saranno sei professionisti, tutti volontari, che ogni pomeriggio, dal lunedì al venerdì, metteranno la loro competenza a disposizione degli utenti. Primo appuntamento lunedì 14 ottobre, alle 15, con attività motoria a cura di Simona Galli, laureata in Scienze Motorie. Seguiranno i martedì di Qi Gong guidati da Edda Venturi, istruttrice qualificata di questa disciplina. I mercoledì saranno invece dedicati alle passeggiate guidate nel verde con la psicologa Chiara Zaglia e agli incontri con Marco Nieri, biologo e studioso degli effetti del bio-elettromagnetismo vegetale sul corpo umano. Il giovedì sarà il giorno dedicato alla musica con l’esecuzione di alcuni brani di arpa della musicoterapeuta Marianne Gubri. A chiudere la settimana saranno le lezioni di Stefania Tronconi, istruttrice e docente di bioginnastica. Tutte le attività sono gratuite.