Home Appuntamenti Scandiano torna al tempo dei Boiardo e la Rocca si riempie di…...

Scandiano torna al tempo dei Boiardo e la Rocca si riempie di… Meraviglie

L’atmosfera di un’epoca dal fascino unico torna protagonista con la manifestazione “Meraviglia alla corte dei Boiardo” che avrà luogo sabato e domenica 19 e 20 ottobre dalle 9 alle 20 nella Rocca dei Boiardo di Scandiano, visitabile per due giorni in ogni angolo. Antichità, mestieri d’arte di ieri e di oggi, storie, una fiera mercato dell’antiquariato e tanto altro ancora saranno di scena nella seconda edizione di un’iniziativa che ha riscosso grande successo lo scorso anno.

Un programma ricchissimo quello che avrà inizio sabato 19 ottobre.
Dalle 9 alle 20, sia sabato sia domenica, infatti presso l’Appartamento Estense inaugurerà un’esposizione antiquari e restauratori con l’anteprima del restauro della chiesa di San Giuseppe. Il tradizionale mercatino antiquariato avrà invece luogo nel cortile e porticato della Rocca, mentre l’esposizione di riproduzione di oggetti legati al mondo agricolo (a cura del sig. Ernesto Ferri) presso il portico della Rocca. Il Salone d’Onore ospiterà invece “Meraviglie alla corte dei Boiardo”, un’esposizione di pezzi unici della storia scandianese, mentre nella Galleria del piano nobile avrà luogo la mostra “Fragili Tesori” realizzata dalla Scuola d’arte Elide Cilloni presso la Galleria del piano nobile.

Per l’occasione saranno in mostra alcuni testi antichi tra cui – per la prima volta – il “manoscritto Pegolotti”, realizzato da un importante funzionario del diciottesimo secolo, quando il paese era ancora nei possedimenti dei duchi d’Este e restituito al Comune di Scandiano dalla soprintendenza archivistica per l’Emilia Romagna nel 2014. Si tratta della raccolta cartacea di una serie di scritti autografi del notaio scandianese Tommaso Pegolotti, vicecancelliere del principe Foresto d’Este, marchese di Scandiano.
Al suo interno vi sono le trascrizioni di numerosi documenti d’archivio del marchesato di Scandiano per il lungo periodo in cui il paese era sotto alla dominazione estense, dalla fine del 1400 sino alla metà del 1700. Il manoscritto è quindi una fonte estremamente importante per conoscere oltre tre secoli di storia amministrativa e istituzionale di Scandiano e del suo territorio che permette di ricostruire le relazioni fra sudditi, signori e territorio.

Inoltre, durante le due giornate saranno realizzate dimostrazioni di restauro di oggetti antichi, doratura cornici ed accordatura strumenti musicali antichi.
Sabato dalle ore 10.30 Agatha Bocedi sarà in concerto con “Miniature per Arpa” presso il Salone d’Onore

Dalle 16 alle 17.30 “Giochi antichi – Scandiano e cartoline d’altri tempi” laboratorio per bambini presso il portico ed i giardini della Rocca a cura di Ludum, mentre nel salone d’onore dalle 16 si terrà la conferenza “La Rocca prima dei Boiardo”, a cura dell’Istituto Italiano dei Castelli sezione Emilia Romagna, con interventi di Alberto Monti, Donatella Jager Bedogni, Mariano Mammi e Guido Gozzi.

Domenica invece in programma dalle 16.30 alle 17.30 Musica in famiglia – Laboratori Sonori per bambini “Impariamo la musica con mamma e papà” – presso il portico ed i giardini della Rocca a cura dell’Associazione “Il Giardino dei linguaggi”. Alle ore 17.15 ci sarà la posa della targa commemorativa della visita del poeta Giosuè Carducci in Rocca..
“….Dai sotterranei della rocca di Scandiano ove sono anche grandi botti di vino bianco e rosso”
Dalle 17.30 infine presso il punto ristoro in Rocca conferenza e degustazione vini a cura dell’ Associazione degustatori ONAV dal titolo : “Il bianco di Scandiano – storia e territorio”, in collaborazione con l’Associazione Compagnia della Spergola.