Usai (P.I.D.): “Braida è arrivata in via XX Settembre a Sassuolo!”






    Il famoso Braida, noto quartiere della citta’ di Sassuolo, e’ ormai da diversi anni anche nella notissima via centrale della nostra amata Capitale della Ceramica Industriale. Politica Indipendente Democratica,  movimento storico di Sassuolo in una accesa riunione degli attivisti svoltasi oggi sabato, 23/11/19, su sollecitazione di alcuni cittadini, all’unanimita’ hanno approvato un ordine del giorno sulla situazione poco edificante e molto incivile di comportarsi da parte degli avventori di tale centralissima viale  XX Settembre (e non solo). Una cosa  e’  certa direbbe qualcuno: <saranno i soliti stranieri sbandati> . Ebbene:  non sono stranieri !!! Siamo tutti noi italiani e sassolesi, senza nessuna remora che parcheggiamo ovunque di giorno e di notte sui marciapiedi, sulle striscie pedonali, agli angoli delle vie traverse e cosi all’infinito e a piacere come se fossimo in una piena zona franca e sconfinata tale da contagiare altre strade limitrofe, dove senza nessun reale controllo ognuno e’ pronto a fare sempre peggio !

    Vedi anche le alte e pericolose velocità da circuito dopo aver fatto i dovuti rifornimenti. Poi, pare che, dal tramonto fino ai primi albeggi la situazione vada sempre crescendo in un tipo di menefreghismo da processo. Aggiungiamo che alcuni residenti quando si sono permessi di protestare, sono stati minacciati e raggiunti fino alla porta del loro stesso palazzo. Se la sicurezza e’ questa allora la nota Braida era ed e’ una dolcissima fantasia. Chiediamo alla Giunta ed al Sindaco controlli con eventuali sanzioni e non solo: “passaggi e ripassaggi” all’infinito senza nessuna verifica reale. Il P.I.D. , chiede veri accertamenti ed una delibera di Giunta per meglio regolamentare tale ormai atavico e molto particolare comportamento.

    Angioletto Usai. – P.I.D.- Politica Indipendente Democratica. Sassuolo.









    Articolo precedenteBimba di tre anni esce di casa e va al supermercato per prendere le caramelle, recuperata dai carabinieri
    Articolo successivoOltre 6.000 “sardine” a Reggio Emilia