Home Economia Anche a Sassuolo, nel mercato ambulante è vietata la vendita di abbigliamento,...

Anche a Sassuolo, nel mercato ambulante è vietata la vendita di abbigliamento, accessori e calzature usati

E’ stata approvata, nel corso del Consiglio Comunale di venerdì 20 dicembre, la modifica al “Regolamento dei mercati settimanali del martedì, del venerdì e stagionale delle domeniche di ottobre nonché dei posteggi isolati”.

La modifica è stata eseguita vista la richiesta del 31/07/2019, con la quale l’Anva (associazione nazionale venditori ambulanti) e la Fiva (federazione Italiana venditori ambulanti), tramite i rispettivi presidenti e segretari provinciali, appartenenti rispettivamente alla Confesercenti e alla Confcommercio, hanno chiesto la modifica del vigente regolamento comunale del commercio su area pubblica inserendo una norma che preveda su tutta l’area mercatale il divieto della vendita di abbigliamento usato, accessori di abbigliamento e calzature. Motivando tale richiesta con il fatto che negli anni si è assistito ad un degrado dell’offerta mercatale con la presenza di numerosi operatori che vendono merce usta a pochi centesimi di euro condizionando negativamente l’immagine e la qualità della proposta merceologica del mercato. Una misura che risponde anche all’esigenza di tutelare il consumatore finale in merito alla mancanza di garanzie circa il rispetto delle norme igieniche per le merci usate poste in vendita.

Ritenuto opportuno, al fine di garantire una qualificazione e riordino dell’area del mercato e una maggiore attenzione alla qualità della proposta merceologica, apportare variazioni e inserimenti al testo del vigente Regolamento e in particolare: inserendo nell’art. 20, punto 10 il divieto di vendita di abbigliamento usato, accessori di abbigliamento e calzature usati; adeguare l’art. 26 in tema di sanzioni amministrative; modificare l’art. 27 in tema di entrata in vigore delle modifiche;

sentite le associazioni degli operatori su aree pubbliche, le associazioni dei consumatori maggiormente rappresentative a livello regionale e i sindacati, presenti all’interno del CNEL e nominati in seno alla Consulta Economica, nella seduta del 21/11/2019 dove hanno manifestato la volontà di apportare le modifiche al regolamento in particolare all’art. 20 comma 10, prevedendo il divieto di vendita di abbigliamento usato, accessori di abbigliamento e calzature usati.

Questi gli articoli del Regolamento modificati.

 

art.20, comma 10 – E’ vietata la vendita di abbigliamento usato, accessori di abbigliamento e calzature usati;

 

art.20, comma11 –  Gli esercenti il commercio su aree pubbliche, a seconda della specifica attività esercitata, devono osservare tutte le disposizioni in materia di pubblicità dei prezzi, vendite straordinarie, vendita a peso netto, etichettatura delle merci e ogni altra disposizione di legge; in caso di vendita di cose usate diverse da quelle vietate di cui al precedente punto n. 10, dovrà esserne data adeguata informazione mediante esposizione di cartello di dimensioni minime cm 29,7 x cm 42, (formato A3) di colore giallo fluo; inoltre, la merce usata dovrà essere tenuta ben separata da quella nuova;

art.26, comma 2 lettera b – vendere prodotti non appartenenti alla categoria merceologica indicata nell’autorizzazione/SCIA, oppure vendere abbigliamento usato, accessori di abbigliamento usati e calzature usate, in violazione dell’espresso divieto di cui al precedente art. 20 punto 10;

art.27 1. – Il divieto di vendita di abbigliamento usato, accessori di abbigliamento e calzature usati di cui all’art. 20, comma 10, si applica a far tempo decorsi mesi 3 (tre) dall’entrata in vigore delle modifiche al presente Regolamento;

2. – Il presente Regolamento viene comunicato ai titolari dei posteggi all’interno del Mercato con le modalità ritenute più adeguate, anche attraverso le Associazioni degli operatori di commercio su aree pubbliche, e pubblicato sul sito web del comune di Sassuolo al fine di agevolare la piena ed effettiva conoscenza da parte di tutti gli operatori;

3. – Le norme del presente Regolamento si considerano automaticamente e tacitamente abrogate con l’entrata in vigore di norme sovraordinate in contrasto con esse. All’adeguamento del Regolamento al fine di recepire le predette disposizioni si procede con deliberazione della Giunta Comunale;

4. – Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento si applicano le norme statali e regionali vigenti;

5. – Tutte le istanze, segnalazioni ed ogni altro tipo di comunicazione devono essere presentate esclusivamente tramite il portale della Regione Emilia Romagna Suaper- Accesso Unitario, come previsto dal DPR 160/2010.

6. – All’entrata in vigore del presente regolamento è abrogato il regolamento del mercato approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 63 del 26/05/2015.