Home Reggio Emilia L’Emergenza Covid-19 non ferma la progettazione esecutiva della Bretella di Rivalta

L’Emergenza Covid-19 non ferma la progettazione esecutiva della Bretella di Rivalta

Anche in questa fase di emergenza, non si ferma la progettazione esecutiva della Bretella di Rivalta, come ha spiegato oggi in Consiglio comunale l’assessora ai Lavori Pubblici Valeria Montanari, nella risposta a un’interpellanza presentata dal Movimento 5 stelle.

“La Bretella di Rivalta – ha detto l’assessora Valeria Montanari – è la progettazione di un sistema di opere stradali con funzione di bypass a sud-est del centro della frazione, che dirotteranno il traffico di attraversamento verso la città o verso la collina sulla viabilità della tangenziale sud-est, sgravando così il centro abitato di Rivalta da smog, rumore e una rilevante quantità di mezzi a motore, traffico pesante compreso, come più volte richiesto dai cittadini di Rivalta. Questo può avvenire perché il nuovo sistema di tangenziali progettate connetterà il tracciato storico della Statale 63 (via della Repubblica) direttamente alla tangenziale di Canali (tangenziale sud-est) e quindi agli assi di grande viabilità a sud-est di Reggio Emilia. In pratica tale sistema infrastrutturale è costituito da due nuove viabilità – la prima di competenza del Comune, la seconda di competenza della Provincia, finanziata sempre dal Comune di Reggio Emilia – connesse tramite l’attuale via Bedeschi – via del Burracchione, a loro volta ottimizzate per raccordare le due nuove opere in progettazione.

La gestione di questa complessa opera viene disciplinata da un Accordo di Programma sottoscritto nel 2019 tra la Provincia e il Comune di Reggio Emilia, in cui i due enti hanno convenuto di attuare forme di stretta collaborazione, finalizzate alla realizzazione delle due opere sopra descritte in modo che vengano progettate e realizzate in tempi simili, in considerazione del funzionamento unitario delle due opere. In modo cioè da dare agli utenti un sistema unitario funzionante dalla Statale 63 fino alla variante di Canali, senza dover più attraversare zone residenziali).

L’Accordo prevede:

·         la Bretella di Rivalta, in ora in fase di progetto esecutivo da parte del Comune di Reggio Emilia per un importo lavori di circa 3.000.000 di euro (stazione appaltante Comune di Reggio Emilia)

·         il Collegamento della Variante di Canali con via del Buracchione, dell’importo di circa 3.000.000,00 di euro, ora in fase di progettazione definitiva da parte della Provincia di Reggio Emilia (stazione appaltante Provincia di Reggio Emilia). Il progetto del collegamento cosiddetto “variante di Canali” dovrà fare un passaggio in Consiglio comunale nei prossimi mesi, ai sensi dell’art. 53, per una validazione sui procedimenti urbanistici ed espropriativi.

 

La tempistica di massima per le due opere che gli Enti attuatori vogliono volutamente portare avanti in modo coordinato prevede indicativamente questi passi:

·         entro l’estate 2020, completamento della progettazione esecutiva;

·         entro l’inverno 2020, procedure protestative;

·         inizio 2021, attività per bando e assegnazione lavori;

·         primavera 2021, cantiere (con conclusione entro l’anno).

 

Per la realizzazione degli interventi, con la relativa ripartizione dei finanziamenti, vengono designati i seguenti enti attuatori:

·         Bretella di Rivalta, per un valore di 3 milioni di euro finanziati dal Comune di Reggio Emilia. Ente attuatore: Comune di Reggio Emilia

·         Variante di Canali, per valore di 3 milioni di euro (2milioni e 940mila euro del Comune di Reggio Emilia e 60mila euro della Provincia). Ente attuatore: Provincia di Reggio Emilia.

 

Ecco un dettaglio più analitico dell’opera di competenza del Comune di Reggio.

La nuova viabilità tra via della Repubblica (Strada statale 63) e via Bedeschi collega via Della Repubblica, all’altezza di via Conforti (accesso al Peep di Rivalta) con via Bedeschi all’altezza dell’inizio del centro abitato della frazione. Su via Della Repubblica è prevista la costruzione di una rotatoria a quattro bracci che permetterà sia l’innesto della nuova viabilità sul tracciato della vecchia strada statale 63 che l’accesso al Peep di Rivalta; la nuova viabilità si inserirà poi in direzione est per raggiungere Via Bedeschi, mantenendo come richiesto dalla Soprintendenza di Bologna l’allineamento degli assi viabili storici. La nuova viabilità compresa tra le due rotatorie sarà fiancheggiata da una pista ciclabile larga 2,50 metri verso il centro abitato di Rivalta e da un marciapiede largo 1,50 metri dal lato opposto della strada.

La nuova viabilità si caratterizza come strada urbana di categoria E con larghezza della carreggiata di 7 metri (3,50 per corsia viabile) come richiesto dalla normativa per strade adatte al passaggio di autobus per il trasporto urbano ed extraurbano. Tale nuova viabilità si andrà quindi a raccordare in continuità dimensionale con l’attuale via Bedeschi e quindi via del Burracchione che presentano la stessa tipologia dimensionale atta a garantire il futuro flusso veicolare stimato e quindi una continuità per chi utilizzerà l’intera infrastruttura tra la SS63 e la variante di Canali.

Come tipologia di appalto si prevede di fare ricorso all’offerta economicamente vantaggiosa con possibilità di migliorie riguardanti l’ottimizzazione ambientale della nuova opera con la viabilità esistente, ipotizzando quindi azioni di riqualificazione anche su via Bedeschi/via del Burracchione e integrazione con i percorsi ciclo-naturalistici presenti”.