Home Modena In Consiglio comunale i servizi educativi di “Modena Zerosei”

In Consiglio comunale i servizi educativi di “Modena Zerosei”

Il voto su “Modena Zerosei”, il sistema educativo integrato per rilanciare la centralità dell’educazione della fascia 0-6 anni, è uno dei temi principali della seduta del Consiglio comunale di Modena di giovedì 28 maggio. Eccezionalmente, l’Assemblea si sposterà dal Municipio nella chiesa della Fondazione Collegio San Carlo, per permettere ai consiglieri di partecipare direttamente ai lavori, nel rispetto delle prescrizioni sulla distanza interpersonale legate all’emergenza sanitaria. Il pubblico non potrà accedere, ma sarà possibile seguire la seduta in streaming nella sezione dedicata del sito istituzionale del Comune (www.comune.modena.it/il-governo-della-citta). Anche alcuni consiglieri comunque hanno scelto di partecipare ai lavori in teleconferenza sulla piattaforma digitale già utilizzata nelle ultime sedute.

Dopo la riorganizzazione degli spazi condivisa con la Prefettura, l’edificio di via San Carlo 7 potrà ospitare fino a 45 persone tra consiglieri, assessori e personale di supporto agli atti amministrativi. L’organizzazione delle postazioni replicherà la disposizione dei banchi del Consiglio comunale e il sistema di votazione sarà di tipo nominale espresso a voce. “Grazie a questa soluzione – spiega il presidente del Consiglio Fabio Poggi – sarà possibile riunire in sicurezza l’intera Assemblea, osservando le normative sul distanziamento interpersonale e garantendo al tempo stesso le attività e le funzioni del Consiglio. Si tratta di un luogo ampio ed esteticamente molto bello nel quale, in questo momento straordinario, siamo felici di poterci spostare temporaneamente in attesa di ritornare nella sede ‘tradizionale’, ovvero la Sala consiliare del Palazzo comunale”.

L’ultima seduta del Consiglio che si è svolta all’esterno del Municipio risale al 17 gennaio 2018, in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria a Vasco Rossi.

I lavori inizieranno alle 15 con l’appello e, a seguire, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli farà il punto sulla situazione legata al Coronavirus. Nell’ordine del giorno non sono previste interrogazioni, mentre sono tre le delibere in trattazione: la rinegoziazione del mutuo per le scuole Mattarella, stipulato con la Cassa depositi e prestiti; la presentazione delle linee di indirizzo per lo sviluppo del sistema integrato dei servizi educativi per l’infanzia, “Modena Zerosei – Costruire futuro”; l’istituzione della nuova Commissione consiliare speciale dedicata all’emergenza sanitaria, che torna in aula dopo l’approvazione all’unanimità della relativa mozione nell’ultimo Consiglio comunale.

Infine, l’Assemblea ha in programma la discussione di quattro ordini del giorno, a partire da “Applicazione del decreto Puc – Progetti utili alla collettività – per i percettori del reddito di cittadinanza” (Movimento 5 stelle). Le altre tre mozioni sono connesse agli effetti del Covid-19: “Rivalutazione degli importi Tari alle attività commerciali per i periodi di chiusura” (Lega Modena), “Garantire il diritto allo studio agli studenti, fuori sede e non” (Pd, Sinistra per Modena e Modena Civica) e “Predisposizione urgente di un Piano urbano del commercio” (Pd).