Home Modena Al Parco Novi Sad aree fitness e per il gioco-avventura

Al Parco Novi Sad aree fitness e per il gioco-avventura

Al Parco Novi Sad aree fitness e per il gico-avventuraFitness e gioco-avventura: il parco Novi Sad si prepara a diventare un polo d’attrazione per l’attività all’aperto di grandi e piccini. Predisposto il progetto esecutivo dagli uffici tecnici comunali, prendono ora il via le procedure di gara per la realizzazione delle due aree dedicate al gioco e all’attività motoria come previsto dal Progetto “Parco Novi Sad, azioni integrate per la sicurezza urbana” promosso dal Comune di Modena. Il piano, del valore complessivo di 166mila euro, di cui 132mila di cofinanziamento regionale, insieme al potenziamento dell’illuminazione e della videosorveglianza, ad azioni di animazione sociale e al rafforzamento dell’attività di presidio e controllo dell’area, prevede infatti anche la realizzazione di aree gioco e spazi per il fitness al fine di favorire la frequentazione abituale dei cittadini per lo sport, le passeggiate e il gioco dei bambini. Nei giorni scorsi la Giunta ha approvato il progetto esecutivo realizzato dai tecnici comunali e l’affidamento della fornitura con posa in opera degli elementi di arredo urbano che andranno a costituire le due aree per un importo complessivo di 84mila euro. Lo spazio gioco per i bambini e quello per la pratica di esercizi sportivi all’aperto, saranno realizzati con attrezzature di disegno semplice in legno e acciaio, prive di colorazioni impattanti, inserite nella superficie a prato e collocate ai lati opposti del parco, con l’obiettivo di favorire la frequentazione del parco senza interferire con le aree di interesse archeologico e i percorsi di visita ad esse dedicati. Il progetto intende inoltre coniugare il rispetto e la valorizzazione del verde, sottoposto a tutela di interesse storicoculturale, con le esigenze del gioco e della pratica motoria. In particolare, l’area gioco sorgerà tra il margine della pista nella curva al lato nord-est, verso viale Fontanelli e nella direzione di Corso Cavour, strada principale di ingresso al centro storico. Dodici gli attrezzi ludici che saranno collocati in sequenza, prendendo il via dall’ingresso individuato da un ponticello a pioli, per formare un percorso di gioco, divertimento, avventura con diverse travi d’equilibrio, strutture per il climbing e un secondo ponte tibetano che segna l’accesso ai giochi per i più piccoli. Laddove necessario saranno collocate al suolo superfici di protezione antitrauma contenute nel terreno e riempite da uno strato di corteccia costipata. Dall’altra parte del parco, al lato sud, nei pressi del Palamolza, a margine della pista interna principalmente dedicata al cammino e alla corsa, sarà invece realizzata una palestra fitness all’aperto con due sequenze di attrezzi: una per l’attività motoria dolce degli anziani, l’altra, collegata alla prima, indicata per giovani e atleti con una varietà che quindi ne consente la fruizione a diverse fasce d’età. Undici in questo caso gli attrezzi in acciaio che saranno disposti secondo una sequenza funzionale, utili contemporaneamente al defaticamento, allo stretching, all’attività motoria dolce per i più anziani, ma anche alla tonificazione e potenziamento muscolare e funzionalità cardiovascolare; alcuni prevedono un’attività ben definita, altri molteplici possibilità di utilizzo. Una volta realizzata l’area per lo street workout, per promuovere l’utilizzo corretto degli attrezzi potranno essere organizzate iniziative anche con il coinvolgimento delle associazioni sportive e di promozione sociale.   AL VIA IL PIANO PER IL RILANCIO Il progetto “Parco Novi Sad, azioni integrate per la sicurezza urbana” nasce per migliorare vivibilità e sicurezza dell’intera a rea verde a ridosso del centro. Elaborato dall’ufficio Legalità e Sicurezze del Comune in collaborazione con i settori Ambiente, Lavori pubblici, Politiche giovanili e Sport, il piano parte da una valutazione dello stato di fatto e delle relative criticità per ideare e realizzare una serie di interventi di riqualificazione di diverso tipo che coinvolgeranno anche associazioni e altri soggetti, per   cambiare il modo di fruire il parco e di favorirne la frequentazione da parte delle famiglie e dei cittadini. A breve sarà definita anche la collaborazione dei volontari della sicurezza per l’attività di presidio del parco in chiave antidegrado per quanto riguarda soprattutto la sensibilizzazione all’uso corretto dell’area verde, mentre hanno già preso il via le iniziative di musica, danza, divulgazione all’aperto organizzate dalla Tenda e in parte finanziate anche nell’ambito del progetto per il Novi Sad. E sono già in programma i primi sopralluoghi per il miglioramento dell’illuminazione del parco, uno dei punti caratterizzanti il progetto, che prevede  il potenziamento dei punti luce attualmente presenti e la sostituzione con lampade più performanti. Inoltre, accanto all’attività di controllo esercitata dalla Polizia locale e dalle altre Forze dell’Ordine, sarà potenziato il sistema di videosorveglianza integrandolo con ulteriori telecamere  e potenziando anche la qualità di trasmissione dati. Da settembre, con la riapertura delle scuole, sarà attivato anche il servizio di educativa di strada che in collaborazione il servizio dipendenze patologiche dell’Ausl, per il monitoraggio di fenomeni di illegalità e per la prevenzione del disagio e della devianza giovanile, oltre che per la prevenzione e il contrasto al consumo di sostanze stupefacenti e abuso d’alcol.