Home Modena Spopola tra i bambini in Inghilterra best seller tradotto dagli studenti del...

Spopola tra i bambini in Inghilterra best seller tradotto dagli studenti del Laboratorio di traduzione di Unimore

Un libro illustrato per bambini e bambine, autentico best seller in Inghilterra, è stato tradotto in italiano dagli studenti del Laboratorio di traduzione, condotto dal Prof. Franco Nasi e dalla Prof.ssa Laura Gavioli del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali di Unimore.

Il libro dal titolo “Oi frog” di Kes Gray e Jim Field è un’esilarante storia in rima per fare scoprire a lettori e lettrici in erba il posto riservato a ciascun animale. È proverbiale che in inglese un gatto (Cat) si sieda su uno zerbino (Mat), ma in italiano?

La peculiarità del lavoro svolto dagli studenti e dalle studentesse del laboratorio di Traduzione è stata rispettare anche nella versione italiana la concordanza delle rime inglesi con le immagini del testo. Far rimare rana (frog) con cane (dog) e tronco (log), pappagallo (parrots) con carote (carrots), leone (lion) con ferro da stiro (iron), ape (scimmia) con grape (uva) non era semplice.

Così il Prof. Franco Nasi di Unimore ha messo alla prova i suoi allievi e le sue allieve, affidando loro la spinosa traduzione.

Il risultato è stato eccellente tant’è che l’editore Gallucci di Roma ha pubblicato il libro dal titolo “Ehi ranocchietto” e in seconda di copertina ha indicato che la traduzione è stata il frutto della collaborazione degli studenti del Laboratorio di traduzione all’interno del Corso di Laurea in Lingue e Culture Europee A.A. 2018-2019 di Unimore.

“Oltre alla estrema soddisfazione che ho provato nel vedere il lavoro dei miei studenti e delle mie studentesse pubblicato, è stato interessante – afferma il prof. Franco Nasi di Unimore –fornire loro una esercitazione di traduzione collaborativa critica, e stimolare la loro creatività, aspetti che sono in contrasto con l’idea troppo diffusa che la traduzione sia una banale trasposizione meccanica da una lingua ad un’altra e che si possa fare sempre a cuor leggero con strumenti informatici”.–