Home Modena Scuola, anche a San Cesario si ripartirà in presenza

Scuola, anche a San Cesario si ripartirà in presenza

Lezioni in presenza e organizzazione dei tempi scuola come nel periodo pre-Covid. Questo è il risultato della Conferenza dei servizi che si è tenuta questa mattina a cui ha partecipato l’Amministrazione comunale, il dirigente dell’Istituto Comprensivo “A. Pacinotti”, i responsabili tecnici di scuola e Comune e i rappresentati del collegio docenti e del consiglio dei genitori. Una ripartenza su cui il Comune investirà 28mila euro per rafforzare la sicurezza degli spazi scolastici nel rispetto delle linee guida regionali e nazionali. Non solo: ai provvedimenti anti-Covid si aggiunge un altro investimento che prenderà il via in queste settimane che andrà a migliorare ulteriormente la qualità strutturale e l’efficienza energetica del polo scolastico per una spesa di 110mila euro.

 

Dopo la pandemia e l’incertezza in seguito alla fine del lockdown, finalmente una buona notizia per gli studenti di San Cesario: “Le lezioni ripartiranno in presenza e senza modifiche ai tempi scuola – è l’annuncio del Sindaco Francesco Zuffi –. La situazione strutturale del nostro polo scolastico ci permetterà di accogliere i nostri bambini e ragazzi già dal 14 settembre, senza interventi strutturali, ma solo con accorgimenti organizzativi per limitare al minimo gli assembramenti e rispettare appieno le linee guida regionali e nazionali”.

L’organizzazione del nuovo anno scolastico è stata gestita dall’Amministrazione comunale attraverso l’istituzione di un’apposita conferenza dei servizi; a fianco dell’Assessore all’Istruzione Luca Brighetti e alla Dirigente dell’Istituto comprensivo, la dottoressa Galantini, hanno partecipato i rappresentanti della scuola materna primaria, del corpo docente e dei genitori, oltre ai responsabili tecnici del Comune e della scuola. L’ultimo incontro della Conferenza, tenuta nella mattinata di oggi, ha definito nel dettaglio le misure che saranno intraprese per garantire il regolare svolgimento delle lezioni dal 14 settembre.

“È stato un lavoro molto complesso – precisa l’Assessore all’Istruzione Luca Brighetti – ma che è stato affrontato in modo collaborativo che ci ha permesso di coordinare al meglio le misure da garantire il corretto inizio del prossimo anno scolastico. Con la ripartenza in sicurezza delle lezioni non saranno necessarie soluzioni di emergenza, come il ricorso ad altre strutture o l’alternanza degli studenti in aula. Il nostro obiettivo è stato fin da subito questo: ripartire in sicurezza, ma evitando situazioni a distanza o altre soluzioni emergenziali che avrebbero impoverito l’offerta didattica e messo in ulteriore difficoltà le famiglie”.

Il Comune investirà 28mila euro per rafforzare la sicurezza, in particolare dotando tutte le aule di dispenser per gel igienizzante, installando maniglioni antipanico in tutte le aule per garantire maggior sicurezza e un deflusso più veloce in caso di emergenza e per la predisposizione della segnaletica verticale e orizzontale per gli spostamenti, l’entrata e l’uscita da scuola.

“Entro la fine di agosto – prosegue Brighetti – comunicheremo alle famiglie la nuova organizzazione attraverso video tutorial appositamente preparati e dedicheremo la prima settimana di scuola ad un progressivo rientro, sensibilizzando gli studenti e le famiglie e dando tempo di familiarizzare con le nuove regole. Dedicheremo una giornata ai bambini che si apprestano ad entrare alla scuola primaria, e dal 7 settembre ripartirà anche il servizio dedicato alla prima infanzia. Rimangono ancora alcuni temi da definire, come il trasporto scolastico per il quale mancano ancora regole definitive, ma con il lavoro di queste settimane possiamo garantire alle famiglie una ripartenza dell’offerta educativa in forte continuità con gli anni precedenti: considerate le condizioni, lo ritengo un ottimo risultato”.

Alle misure anti-Covid si aggiunge un altro investimento che prenderà il via in queste settimane che andrà a migliorare ulteriormente la qualità strutturale del polo scolastico: saranno installate nuove palette frangisole nelle aule ancora sprovviste e saranno cambiati tutti gli infissi esterni con nuovi ad alta prestazione energetica. Si tratta di un investimento di 110mila euro complessivi, per il quale il Comune ha ottenuto da Regione e Gestore servizio elettrico un cofinanziamento a copertura di oltre il 60% della spesa.

“La qualità dell’esperienza scolastica si fonda anche sulla qualità delle strutture scolastica – conclude il Sindaco Zuffi -. Considerati i tanti investimenti che il Comune ha fatto negli anni per garantire un miglioramento strutturale che si sposasse con la sostenibilità ambientale, il polo scolastico è senz’altro un’eccellenza del territorio”.