Home Scandiano Nidi, a Scandiano le rette scendono ancora

Nidi, a Scandiano le rette scendono ancora

Un ulteriore riduzione delle tariffe dei nidi d’infanzia e spazi bimbi comunali per l’anno scolastico 2020/2021. Lo ha deciso la Giunta del Comune di Scandiano, anche per le famiglie con attestazione ISEE superiore ai 26mila euro.

Nell’aderire anche per l’anno 2020 alla misura sperimentale “Al nido con la Regione”, il Comune di Scandiano ha infatti ulteriormente ritoccato le rette  sulla base dei dati registrati lo scorso anno scolastico prima della forzata interruzione causata alla pandemia.

“Sostenere un’educazione prescolare di qualità, aiutando le famiglie anche economicamente – ha dichiarato il vice sindaco e assessore alla scuola Elisa Davoli – è uno degli obiettivi della nostra amministrazione. Ecco perché abbiamo cercato di allargare la platea di fruitori delle riduzioni, così da includere più potenziali utenti in una logica di coesione sociale sempre più forte”.

Il progetto regionale ha infatti come obiettivo dichiarato il sostegno economico alle famiglie con attestazione ISEE da 0 ai 26.000 euro, attraverso un significativo abbattimento delle tariffe legate ai servizi educativi 0/3 anni.

Abbattimento che quest’anno equivale ad un beneficio per le famiglie che, a seconda dei casi, corrisponde da un minimo di tre fino ad un massimo di cinque mensilità gratuite sulle dieci di calendario, dal 30 al 50% dell’intero ammontare della retta mensile.

Il Comune di Scandiano ha poi deciso di introdurre e finanziare con fondi propri riduzioni del 10% per le due fasce ISEE comprese fra 26.000 e 34.000 euro e del 5% per la fascia ISEE superiore a 34.000 euro o non dichiarata.

“La fotografia delle nostre famiglie – ha spiegato l’assessore Davoli – ci ha imposto una riflessione e un’azione conseguente. E’ infatti importante riconoscere anche ai redditi medi un piccolo incentivo per non appesantire i bilanci familiari in un periodo storico nel quale c’è molta incertezza. Anche questo ci ha spinto a fare questo ulteriore sforzo”.