Home Modena Officina informatica su “Diritto, Etica, Tecnologie” del CRID di Unimore

Officina informatica su “Diritto, Etica, Tecnologie” del CRID di Unimore

Sono tante le nuove sfide che deve fronteggiare oggi il diritto con riferimento alle nuove tecnologie.

Su alcune di queste come odio in rete, profili etici del rapporto tra algoritmi ed atti amministrativi, protezione dei dati in ambito pubblico, compliance privacy (adesione alle regole deontologiche) e profili giuridici degli autoveicoli a guida autonoma sviluppa il suo lavoro l’Officina informatica su “Diritto, Etica, Tecnologie” (DET) del CRID – Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità di Unimore, diretto dal Prof. Gianfrancesco Zanetti presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Modena e Reggio Emilia (http://www.crid.unimore.it/site/home/attivita/laboratori-e-gruppi-di-lavoro/officina-telematica-su-147diritto-etica-tecnologie148-det.html).

Il nuovo percorso di approfondimento prevede 5 seminari online, svolti sulla piattaforma Dolly Collaborate (URL: https://bit.ly/3lGZ02a) ed è promosso nell’ambito del corso di Informatica giuridica, tenuto dal Prof. Gianluigi Fioriglio di Unimore. L’attività è indirizzata oltre che a studenti e studentesse del corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza e del corso di Laurea triennale in Scienze giuridiche dell’impresa e della Pubblica Amministrazione anche agli allievi e alle allieve della Scuola di Dottorato in Scienze giuridiche.

Gli appuntamenti che compongono il ciclo adotteranno una specifica prospettiva professionalizzante, oltre che formativa, nel rispetto della funzione sociale dell’Università e della “terza missione” di public engagement che, per gli atenei, da qualche tempo si affianca a didattica e ricerca.

“Il nostro Dipartimento – commenta il Prof. Carmelo Elio Tavilla, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza – è da sempre attento alle nuove sfide della tecnologia e, in quest’ottica, il contributo del CRID è stato di fondamentale importanza. Il ciclo di appuntamenti promossi dall’Officina Informatica DET rappresenta un’opportunità molto importante a beneficio delle studentesse e degli studenti che, in maniera sempre più intensa, sono chiamati a cogliere le sfide del Diritto nel campo delle nuove tecnologie.”

“Nella prospettiva ministeriale – spiega il Prof. Alberto Tampieri, Coordinatore del Dottorato in Scienze giuridiche, i corsi di dottorato di ricerca, anche nell’ambito delle scienze giuridiche, sono tenuti a dedicare particolare attenzione alla c.d. Digital Governance: il corso di dottorato Unimore-Unipr si è orientato da tempo in questa direzione. Per queste ragioni sono particolarmente grato ai colleghi del CRID per aver organizzato, a beneficio degli studenti di dottorato e dei corsi di laurea, questo ciclo di seminari di approfondimento su temi di notevole interesse e di grande attualità”.

Si comincia martedì 20 ottobre 2020, alle ore 10.15 con un Seminario che riguarderà il tema dell’hate speech online. Dopo i saluti introduttivi del Direttore del CRID Prof. Gianfrancesco Zanetti (CRID, Unimore) e del Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza Prof. Carmelo Elio Tavilla (Unimore), la relazione principale sarà affidata al Dr. Alessandro Di Rosa (Instituto “Bartolomé de Las Casas, Univ. Carlos III Madrid – CRID, Unimore) mentre la discussione prevede un intervento della Dr.ssa Serena Vantin (CRID, Unimore).

“Questo ciclo di appuntamenti – afferma il Prof. Gianluigi Fioriglio di Unimore che coordinerà e introdurrà ogni appuntamento – si concentra su molteplici sfide che il diritto è chiamato ad affrontare nell’epoca contemporanea, con riferimento sia ai comportamenti individuali e personali sia alla riorganizzazione (digitale) della Pubblica Amministrazione, delle realtà imprenditoriali ed aziendali, del sistema sanitario, nonché con riferimento alle condizioni di vulnerabilità che le tecnologie possono determinare o in taluni casi contribuire a superare. Attorno a quest’ultimo punto – che funge da filo conduttore dei diversi incontri – ruoteranno i diversi contributi degli ospiti. Si tratta di profili che da tempo l’Officina Informatica “Diritto Etica Tecnologie”, ideata dal Prof. Thomas Casadei e animata da altri collaboratori e collaboratrici del CRID, mette al centro delle sue ricerche e dei suoi studi”.

La riflessione proseguirà con una discussione sul rapporto tra algoritmi ed atti amministrativi, con particolare riguardo ai profili etici (lunedì 2 novembre 2020, ore 12:00-13:30): i saluti saranno portati dal Direttore della Scuola di Dottorato in Scienze giuridiche Prof. Alberto Tampieri (Unimore), la relazione sarà del Prof. Marco Mancarella (Univ. del Salento), discussant il Prof. Thomas Casadei (CRID, Unimore).

Il ciclo proseguirà con un appuntamento dedicato alla funzione del Responsabile della protezione dei dati in ambito pubblico (martedì 3 novembre, ore 10:15-11:45), grazie alle relazioni dell’Avv. Anna Cataleta (DPO CSEA – Cassa per i Servizi Energetici ed Ambientali) e dell’Avv. Vittorio Colomba (DPO Unimore), per poi proseguire con un approfondimento sulle sfide della compliace privacy nella realtà dell’azienda Ferrari (lunedì 9 novembre 2020, ore 12:00-13:30), con una relazione dell’Avv. Giacomo Cavallo (Legal Counsel Ferrari) e interventi in qualità di discussant del Prof. Simone Scagliarini (Unimore – Osservatorio Privacy Fondazione Marco Biagi) e della Dr.ssa Noemi Miniscalco (Unimore – Osservatorio Privacy Fondazione Marco Biagi).

L’ultimo appuntamento tratterà dei profili giuridici degli autoveicoli a guida autonoma (martedì 10 novembre 2020, ore 10:15-11:45), con una relazione del Prof. Giuseppe Contissa (Univ. di Bologna), discussant il Prof. Michele Ferrazzano (CRID, Unimore).

Tutti gli incontri si collegano anche al progetto di Public Engagement di Unimore “Salute e nuove tecnologie: opportunità e sfide per la cittadinanza e per la sanità pubblica”.

Per l’iscrizione ai seminari e ulteriori informazioni sul programma: segreteria.crid@unimore.it