Home Politica Risposta all’interrogazione sull’“Ufficio Casa”

Risposta all’interrogazione sull’“Ufficio Casa”



L’ultima interrogazione discussa nel Consiglio Comunale di ieri sera era a firma dei consiglieri Savigni e Lenzotti (Pd), avente ad oggetto “Ufficio Casa”.

“E’ noto che è da alcune settimane – si legge nell’interrogazione – è stata aperta una trattativa con Acer per il ri­trasferimento a questo ente del patrimonio di edilizia pubblica attualmente gestito dall’Ufficio Casa; come si evince dalle notizie che circolano, l’Amministratore unico avrebbe chiarito che la necessità di operare questo trasferimento, che comporta un passo indietro rispetto alle modalità operative finora adottate, è motivata dalle difficoltà che sorgerebbero negli uffici tecnici di SGP a prendere in carico l’incentivo del superbonus 110. Acer avrebbe posto la condizione del trasferimento per subentrare nel lavoro di riqualificazione di parte del patrimonio di edilizia residenziale pubblico, avendo mezzi e competenze per poter sfruttare tale incentivo.

Si chiede pertanto: quale strumento amministrativo si intende usare per disciplinare i rapporti con Acer; quali sono i tempi necessari per la conclusione dell’operazione; quali riflessi avrà questa operazione sul piano occupazionale; quali riflessi avrà il trasferimento della gestione del patrimonio di edilizia pubblica gestito dall’Ufficio casa nel rapporto con gli utenti, e che tipo di interfaccia verrà garantito. Quale riflesso avrà questa operazione sul bilancio di SGP; per quale motivo non si è ritenuto necessario informare il consiglio di tale riorganizzazione, che ha evidenti ricadute sui servizi alla popolazione”.

 

Ha risposto all’interrogazione il Vicesindaco, con delega al Patrimonio, Camilla Nizzoli.

“Innanzitutto desidero precisare che come già Vi è stato comunicato nel Consiglio comunale del 1 Marzo 2021, rispondendo a una vostra interrogazione prot. 1928 del 18.01.21 sempre su questo tema, il confronto con ACER per verificare la possibilità di affidare loro tutta la realizzazione, con una variazione dell’attuale concessione in corso, era già stato avviato.

Non è quindi corretto da parte Vostra asserire, come si legge nella parte introduttiva dell’interrogazione, che solo da alcune settimane        è noto che si sia aperta una trattativa con Acer e che la cosa la si evinca dalle notizie che circolano.

Poiché appare evidente che ne foste invece stati messi al corrente nel mese di Marzo 2021, non deve passare l’ennesimo messaggio fuorviante atto a tacciare l’Amministrazione di poca trasparenza e questa precisazione era doverosa.

Sempre per fornire un’informazione corretta, occorre poi ricordare che il diniego inizialmente ottenuto da Acer è stato dovuto alla mancanza dei presupposti giuridici per fruire dei benefici fiscali. La convenzione in essere tra Acer e Sgp, che è stata stipulata nel 2016, conferisce poi ad Acer la sola gestione amministrativa e non manutentiva e questo impedisce la presa in carico da parte di Acer delle ristrutturazioni da superbonus.

Come noto, la normativa vigente, da ultimo il dl 34/2020 convertito in legge 77/2020 (decreto rilancio) disciplina gli incentivi fiscali per interventi di manutenzione straordinaria volti alla valorizzazione del patrimonio Erp di proprietà comunale, con particolare riferimento al bonus 110% e all’ecobonus.

Al fine di cogliere tale opportunità e valorizzare il patrimonio Erp, Sgp, con Ufficio Casa e i propri tecnici, ha esaminato la complessità delle procedure richieste dalla normativa per l’accesso ai suddetti bonus, per verificare la fattibilità degli interventi, tenendo conto che tali attività si sarebbero necessariamente aggiunte alla gestione delle attività ordinarie svolte dall’ufficio casa, ivi comprese quelle propedeutiche all’esercizio delle funzioni attribuite all’Unione nell’ambito delle politiche abitative.

Pertanto, al fine di conseguire tale valorizzazione del patrimonio Erp e del conseguente beneficio degli utenti utilizzatori di tale patrimonio, si è ritenuto opportuno verificare la disponibilità di Acer a espletare tutte le pratiche relative agli interventi di manutenzione straordinaria oggetto del superbonus, poiché la stessa vi provvede per gli altri Comuni ed è dotata dell’organizzazione necessaria.

 

Ai quesiti posti nell’interrogazione si risponde come segue:

  • Quale strumento amministrativo si intende usare pere disciplinare i rapporti con Acer.

Si è ritenuto di avvalersi dello strumento della “subconcessione amministrativa”, come confermato dall’agenzia delle entrate a seguito di interpello proposto, e successivamente si è valutata l’opportunità di sub concedere l’intero patrimonio Erp, per ragioni di ottimizzazione degli interventi e di raggiungimento di obiettivi di economie di scala; si sottolinea che lo strumento della concessione o della subconcessione è già utilizzato dagli altri comuni dell’unione e dalle società patrimoniali e consente semplificazioni, a differenza delle convenzioni, ad esempio per quanto riguarda le procedure di bollettazione e di emissione di fattura elettronica.

 

  • Quali sono i tempi necessari per la conclusione dell’operazione.

Si presume che la stipula della sub concessione avvenga entro la fine dell’anno in corso, con decorrenza dal 01/01/2022. L’ultimo incontro con Acer è avvenuto in data 14.09.21 alle ore 9,00 e pari data alle ore 11,00 è avvenuto l’incontro con il personale coinvolto in Unione, i dipendenti e i tecnici di Sgp e l’amministrazione per dovute informazioni e chiarimenti.

 

  • Quali riflessi avrà questa operazione sul piano occupazionale.

Tale soluzione comporta l’efficientamento e lo snellimento della struttura di Sgp mediante la cessione ad Acer del 100% del contratto di dipendente in forza attualmente a Sgp (dove verrà applicato il medesimo contratto collettivo Federcasa), che potrà svolgere sul territorio parte delle funzioni assegnate all’Ente; un secondo dipendente potrà continuare ad espletare, per conto del Comune mediante contratto di servizio, le attività propedeutiche svolte attualmente per l’esercizio delle funzioni in capo al Comune e all’Unione; un ulteriore dipendente che svolge attività tecniche sarà poi di supporto al servizio edilizia pubblica di Sgp.

 

  • Quali riflessi avrà il trasferimento della gestione del patrimonio di edilizia pubblica gestito dall’ufficio casa nel rapporto con gli utenti e che tipo di interfaccia verrà garantito.

Il rapporto con gli utenti sarà assicurato mediante il consueto ricevimento del pubblico con un’implementazione dell’orario di ricevimento.

 

  • Quale riflesso avrà questa operazione sul bilancio di Sgp

L’operazione non produrrà effetti negativi sul bilancio della società in quanto, ai sensi della LR 24/2001, gli incassi dei canoni degli alloggi devono essere interamente destinati, al netto dei costi di gestione, alle manutenzioni ordinarie e straordinarie degli immobili Erp, con conseguente equilibrio di costi e ricavi.

 

  • Per quale motivo non si è ritenuto necessario informare il consiglio di tale riorganizzazione, che ha evidenti ricadute sui servizi alla popolazione.

Non si è ritenuto di anticipare comunicazioni che sarebbero state parziali ed incomplete in trattativa ancora in corso e prima della conferma ufficiale dell’accordo da parte di Acer, atteso che il servizio alla popolazione continuerà a essere garantito. Questa interrogazione consiliare ci offre la possibilità di evitare la convocazione di una commissione informativa, che era peraltro già nei programmi dell’amministrazione e per questo Vi ringrazio”.

 

Articolo precedenteManda in frantumi il vetro dell’autobus. 19enne denunciato a Pavullo
Articolo successivoBerlusconi, 85 anni e il sogno del Quirinale